Alfa Romeo MiTo Urban
in

Alfa Romeo MiTo: a luglio finirà stop alla produzione

FCA ha raggiunto un accordo con i sindacati per lo spostamento di oltre mille operai da Mirafiori a Grugliasco nell’ottima di un processo di riorganizzazione interna, in attesa dell’avvio dei nuovi progetti che dovranno rilanciare il Polo del Lusso torinese.

A margine dell’annuncio di quest’accordo arriva la conferma della fine della produzione dell’Alfa Romeo MiTo. La segmento B di casa Alfa Romeo continuerà ad essere prodotta a Mirafiori sino al prossimo mese di luglio quando i lavori si concluderanno a distanza di circa 10 anni dall’avvio della produzione, un periodo decisamente superiore agli standard del mercato delle quattro ruote in cui, di solito, il ciclo di vita di un prodotto è di circa 6 anni.

Come noto, la Alfa Romeo MiTo non verrà sostituita. Alfa Romeo non ha in programma una nuova hatchback di segmento B ed abbandonerà il segmento di mercato per concentrare le (poche) risorse su settore decisamente più redditizi. Dopo il lancio di Giulia e Stelvio, infatti, il marchio italiano punterà a rinnovare la sua gamma nel segmento C ed ad espandere la sua offerta nel segmento E.

In futuro, Alfa Romeo dovrebbe realizzare un nuovo crossover compatto, che alcune fonti hanno indicato come “erede della MiTo”. Il progetto, secondo i rumors, sarà realizzato nello stabilimento di Melfi, partendo dalla base della Jeep Renegade e della Fiat 500X. Al momento, in ogni caso, non vi sono conferme di alcun tipo in merito all’effettiva realizzazione di questo modello.

Come noto, infatti, FCA non ha confermato alcun rumors sui progetti futuri rimandando tutte le dichiarazioni ufficiali al prossimo 1 giugno, giorno scelto dal gruppo per l’annuncio del nuovo piano industriale per il prossimo quinquennio che andrà a chiarire, in modo completo, quali saranno i programmi per il marchio Alfa Romeo e per gli stabilimenti italiani del gruppo.

Ulteriori dettagli, quindi, arriveranno soltanto tra poco più di un mese. Continuate a seguirci per tutti gli aggiornamenti sul futuro di Alfa Romeo e sulla possibile erede della MiTo.

Looks like you have blocked notifications!