in

Alfa Romeo potrebbe attirare i migliori piloti di F1

Il team Principal di Alfa Romeo Racing Frederic Vasseur è ottimista per il futuro e pensa che il suo team possa attirare piloti di alto livello

Alfa Romeo Racing
Alfa Romeo Racing

Il team principal di Alfa Romeo Frederic Vasseur ha detto all’inizio di quest’anno che la squadra non escludeva la sostituzione sia di Raikkonen che di Giovinazzi, ma ha insistito che “è tutto aperto”. Il Biscione ha ampliato il suo rapporto con la Sauber in quella che Vasseur ha definito una “partnership a lungo termine” che evidenzia il desiderio di successo del marchio nel campionato. “Penso che siamo in una buona posizione perché siamo ambiziosi”, ha detto Vasseur. “Stiamo salendo in termini di partner, sponsor e così via. Il portafoglio sta aumentando.

“La partnership con l’Alfa Romeo è solida e una partnership a lungo termine. La Ferrari sta facendo un buon lavoro, stanno migliorando anche dalla loro parte e noi stiamo migliorando sul telaio. “Ho tanti semafori verdi e voglio essere molto positivo. Ora devo fare il mio lavoro per riuscire a convincerli”. Vasseur crede che sarà importante essere onesti con i potenziali piloti sulle prospettive dell’Alfa per le prossime stagioni, al fine di evitare di creare false aspettative, soprattutto se atterra un pilota di alto profilo.

“Devi essere molto chiaro con loro ed essere trasparente: ‘OK, ragazzi non saremo in grado di vincere, ma l’obiettivo se siamo P8 è essere P6 e poi essere P4’. È meglio che per dire ‘OK, non preoccuparti, vinceremo l’anno prossimo’. In questo modo creerai frustrazione”. Mentre la squadra deve ancora decidere la formazione del 2022, Vasseur ha ammesso che Giovinazzi ha fatto un passo avanti quest’anno, soprattutto in qualifica, ma ritiene che l’italiano debba ancora lavorare sulle sue prestazioni in gara.

“Antonio sta facendo un ottimo lavoro in qualy, dove Kimi ha probabilmente qualche difficoltà in più”, ha detto Vasseur. “Ma succede il contrario in gara dove molto spesso Kimi compensa il distacco con Antonio nei primi giri. Direi che, se si vuole parlare di Antonio, sono sicuro che è migliorato molto. Ha una comprensione molto migliore delle prestazioni della macchina. E se deve migliorare probabilmente è in vista della gara, la gestione della gara, la gestione delle gomme. Ma lui lo sa, conosce perfettamente la situazione”.

Ti potrebbe interessare: Alfa Romeo: le ultime sui piloti per il 2022

Looks like you have blocked notifications!
NotizieAuto.it fa parte del nuovo servizio Google News, selezionaci tra i preferiti cliccando in alto la stellina Clicca Qui!