Alfa Romeo Giulia
Alfa Romeo Giulia
in

Alfa Romeo traina FCA in Europa nelle vendite

Una delle sorprese più belle che arrivano dal mercato auto dell’Europa è rappresentata dal successo ottenuto da Alfa Romeo nel 2016. Nel vecchio continente la casa automobilistica del Biscione che fa parte di Fiat Chrysler Automobiles ha ottenuto una crescita rispetto al 2015 pari al 16,4 per cento. Si tratta di un ottimo risultato che fa ben sperare per il futuro quando la gamma del brand di Arese si arricchirà di ulteriori nuovi modelli. Ovviamente gran parte del merito di questo risultato è da attribuire all’arrivo sul mercato della nuova Alfa Romeo Giulia. La berlina di segmento’D’ fin dal suo esordio sul mercato ha dimostrato di essere molto apprezzata dagli appassionati di motori.

Per Alfa Romeo sono state  66.172  le unità immatricolate nel corso del 2016 in tutta Europa. Uno dei mesi migliori per il Biscione è stato senza dubbio lo scorso mese di dicembre, periodo in cui la casa automobilistica milanese di Fiat Chrysler Automobiles ha ottenuto 6.200 immatricolazioni ed una crescita pari a +43,7 per cento. Insomma un finale di anno in crescendo che fa ben sperare per il 2017 che con buona probabilità sarà ancora più positivo visto l’imminente arrivo sul mercato del Suv Stelvio e il completamento della gamma delle versioni di Giulia.

Leggi anche: Alfa Romeo: la speranza di Reid Bigland per gli Stati Uniti

Alfa Romeo
Alfa Romeo: crescita impetuosa nel 2016 in Europa merito soprattutto della berlina Giulia

Leggi anche: Fiat Chrysler, crescita impetuosa in Europa nel 2016

Entrando maggiormente nel dettaglio notiamo che di Alfa Romeo Giulia in Europa sono state vendute ben 10.500 unità. Un ottimo risultato se si pensa che la berlina è arrivata sul mercato a partire dall’estate. Da notare anche i buoni risultati della Giulietta che supera quota 42 mila immatricolazioni e mostra un ottimo stato di forma. Infine segnaliamo che il Biscione cresce bene un po’ in tutti i principali mercati, unica nota negativa dal Regno Unito dove il brand di Arese perde il 3 per cento rispetto al 2015.

 

Looks like you have blocked notifications!