in

Allarme prezzi delle auto: la crisi dei chip può farli salire

Allarme rosso lanciato da Luca de Meo, numero uno del Gruppo Renault: i prezzi delle auto potrebbero salire per la crisi dei chip

prezzi delle auto

Potete chiamarlo concatenamento di sfortune. Arriva il Covid e l’automotive si paralizza. Taiwan decide di vendere i chip solo ai big dell’elettronica. Poi, l’automotive comincia a vendere, ma si ritrova senza microprocessori. E adesso, la crisi dei chip si aggrava. Risultato: i prezzi delle auto potrebbero salire per la crisi dei chip, stando all’allarme rosso lanciato da Luce de Meo, numero uno del Gruppo Renault. Lo riporta il quotidiano economico spagnolo Expansion.

Vediamo il perché. Primo: i fornitori di chip stanno approfittando della leva che la scarsità sta dando loro. Semiconduttori preziosi per auto elettriche e per vetture a contenuto tecnologico sempre più elevato.

Secondo, ricorda de Meo, la carenza di semiconduttori va a braccetto con l’aumento dei costi delle materie prime: acciaio, gas, energia, rame e alluminio “I prezzi aumenteranno ancora di più nei prossimi 12 mesi”, ha detto il manager di origini pugliesi.

Ma l’Europa non può fare da sé? Sì, dice de Meo. Servono però investimenti e 10 anni. Per adesso, ci si affida ancora a Taiwan.

Terzo: i prezzi delle auto stanno già aumentando perché le Case automobilistiche si concentrano sulla costruzione di modelli più costosi, a causa della mancanza di chip. Il target è fare profitti. Con margini elevati, che si hanno su vetture maggiormente care.

Prezzi delle auto: la reazione dei Gruppi

A quanto si apprende, per esempio, BMW ha dichiarato che sta aumentando le sue previsioni di profitto per l’anno, proprio grazie all’aumento dei prezzi. Secondo AlixPartners per fare fronte al calo dei volumi le case automobilistiche, su scala globale, hanno aumentato i prezzi in media del 7%.

A tutto questo, si aggiunga un secondo collo di bottiglia: in Malesia. Molte fabbriche specializzate nell’imballaggio dei chip si sono fermate per una forte siccità. Occhio: le fabbriche di chip hanno bisogno di migliaia di litri al giorno di acqua superfiltrata. In più, riprende vigore la pandemia da Covid. La variante Delta ha colpito duro nel sudest asiatico, Vietnam incluso. 

Looks like you have blocked notifications!
NotizieAuto.it fa parte del nuovo servizio Google News, selezionaci tra i preferiti cliccando in alto la stellina Clicca Qui!