News Auto

Audi riavvia gradualmente la produzione in Europa

Audi

Audi inizierà gradualmente il riavvio della produzione nei suoi stabilimenti in Europa nelle prossime settimane. A metà marzo, la società ha annunciato la sospensione temporanea della produzione nei suoi siti europei. Lo sfondo della decisione sono stati i colli di bottiglia dell’offerta e un calo della domanda dovuto alla pandemia della corona. L’imminente riavvio regolamentato nella rete di produzione Audi mondiale insieme a fornitori e fornitori di servizi sarà coordinato con il Gruppo Volkswagen. Il componente principale del riavvio è un pacchetto completo di misure incentrato sulla sicurezza dei dipendenti. A questo proposito, Audi sta seguendo le linee guida del Robert Koch Institute e le normative delle autorità sanitarie del rispettivo paese.

Audi inizierà gradualmente il riavvio della produzione nei suoi stabilimenti in Europa nelle prossime settimane

Dopo la sospensione della produzione in tutti gli stabilimenti AUDI AG in Europa, ora si tratta di fare il primo passo indietro verso la normalità: “Gestiremo il riavvio come un atto europeo congiunto”, ha dichiarato Peter Kössler, membro del consiglio di amministrazione della produzione. Questo perché le catene di approvvigionamento e i processi di produzione e logistica sono strettamente interconnessi all’interno del Gruppo e con i partner a livello internazionale. Kössler ha continuato: “L’attenzione è rivolta ai dipendenti, perché hanno bisogno di un ambiente di lavoro sicuro. I team di esperti Audi hanno quindi adattato i processi ai fini della protezione della salute in consultazione con i dipartimenti specializzati e i consigli di fabbrica. Vorrei ringraziare tutti i dipendenti Audi e i nostri partner in tutto il mondo per la flessibilità e gli sforzi congiunti in tempi come questi. ”

“Sulla via del ritorno alla prima fase dopo l’arresto della produzione, le precauzioni sanitarie per la protezione dei dipendenti hanno la massima priorità”, ha spiegato il presidente del comitato aziendale Peter Mosch. “Il riavvio sarà accompagnato da un pacchetto completo di misure per garantire la protezione della salute dei dipendenti”. Ciò include, ad esempio, regole chiare sulla distanza e l’igiene, un sistema di cambio modificato per evitare il contatto e l’obbligo di utilizzare la protezione della bocca e del naso in aree in cui non sono possibili distanze di 1,5 metri. La società ha inoltre creato barriere fisiche nei luoghi di lavoro critici. Nel pre-assemblaggio delle porte, ad esempio, due impiegati lavorano contemporaneamente sullo stesso rack di trasporto e si trovano direttamente uno di fronte all’altro. Qui, i dipendenti stessi hanno sviluppato una barriera trasparente fatta di teli di plastica.

I responsabili delle sezioni e dei gruppi di produzione, insieme agli esperti di sicurezza sul lavoro, assistenza sanitaria, ingegneria industriale e comitato aziendale, hanno esaminato ogni singolo posto di lavoro, analizzato e sviluppato suggerimenti per il miglioramento. Solo con l’accordo di tutti i soggetti coinvolti un posto di lavoro è considerato “pronto per la corona”. Il gruppo di lavoro ha anche esaminato da vicino l’ambiente di lavoro: spazi per gruppi, cancelli di fabbriche, parcheggi e traffico interno di fabbriche, nonché ristoranti di ristorazione e di fabbrica. Audi ha sviluppato soluzioni appropriate per tutte le aree. I dipendenti saranno informati in anticipo di tali misure e riceveranno istruzioni complete sulla sicurezza dai loro responsabili di linea quando riprenderanno il lavoro.

Ti potrebbe interessare: Audi A1 e-tron, l’utility premium elettrica al 100% è in arrivo?

Looks like you have blocked notifications!
Related posts
News AutoVolkswagen

US Securities and Exchange Commission ha aperto un'indagine sulla Volkswagen

News AutoTesla

Perché Tesla sta testando un Ram 1500 TRX?

News AutoToyota

Toyota prevede di espandere la produzione di veicoli elettrici negli Stati Uniti

News AutoRenault

Renault: importante partnership per il gruppo francese