in

Auto a guida autonoma su strade normali: Toyoda dice no, per ora

Aiko Toyoda: “Non è ancora realistica per le strade normali”

e palette

Dopo il no alle elettriche, Aiko Toyoda dice no anche all’auto a guida autonoma su strade normali. Per ora, dice: troppo presto, insomma. La macchina robot “non è ancora realistica per le strade normali”, sostiene il numero uno di Toyota. Specie in condizioni straordinarie dettate dalla presenza di persone ipovedenti. O da persone con altre disabilità all’interno del villaggio durante le Paralimpiadi.

Lo spunto arriva da un incidente verificatosi all’interno del villaggio olimpico di Tokyo a una e-Palette, il robotaxi elettrico al 100% sviluppato dalla Casa giapponese: usato per alcuni servizi di trasporto durante Olimpiadi e le Paralimpiadi in corso nella capitale del Giappone. “Il sinistro, ha affermato Toyoda, dimostra che i veicoli autonomi non sono ancora realistici per le strade normali.

Guida autonoma, strada lunghissima

La e-Palette ha colpito un atleta ipovedente, rimasto ferito in modo lieve solo grazie alla bassissima velocità del veicolo. Mistero sulla dinamica. Forse, lo shuttle si èfermato a un incrocio e, in fase di svolta sotto il controllo manuale dell’operatore a bordo, ha urtato lo sportivo. Il tutto a 1 km/h di velocità 

Dopo le cure al centro medico del villaggio olimpico, l’uomo è tornato a camminare senza la necessità di un’ulteriore assistenza. Purtroppo, non ha disputato la gara in programma sabato 28 agosto. Può aver inciso anche il forte spavento: normale. Lo stress di un incidente è sempre violentissimo.

Si tratta di situazioni delicatissime e complicatissime, con mille fattori che incidono. Dopo milioni di km di test, ancora permangono numerose criticità quando dall’esperimento si passa alla realtà.

Looks like you have blocked notifications!
NotizieAuto.it fa parte del nuovo servizio Google News, selezionaci tra i preferiti cliccando in alto la stellina Clicca Qui!