in

Batterie allo stato solido: quali sono i possibili pericoli?

Le batterie allo stato solido promettono efficienze da capogiro: ma è tutto oro quello che luccica?

Batterie allo stato solido: quali sono i possibili pericoli?

Mentre l’industria automobilistica si elettrifica rapidamente, la corsa per la massima efficienza è a un punto di ebollizione. In realtà è piuttosto semplice; vince l’azienda in grado di produrre la batteria più efficiente. Tra tutti i principali produttori, la spinta per una maggiore autonomia e tempi di ricarica più rapidi ha dato i suoi frutti, ma c’è sempre più spazio per miglioramenti. Il colosso automobilistico giapponese Nissan sta attualmente sviluppando batterie allo stato solido avanzate che spera sostituiranno quelle agli ioni di litio. Queste batterie allo stato solido sono state ostentate come più sicure, ma a quanto pare, le cose potrebbero non andare nel migliore dei modi.

Nissan sta andando alla grande nell’intera rivoluzione elettrica: ha interrotto lo sviluppo dei motori a combustione nella maggior parte dei mercati principali e sta elettrificando la sua gamma di modelli a un ritmo sempre crescente. Insieme a queste grandi mosse, l’azienda ha promesso ai suoi azionisti e clienti un sistema di batterie leggero, compatto e ad alta densità di energia in sei anni. Tuttavia, secondo Kazuhiro Doi, vicepresidente aziendale responsabile della ricerca avanzata sulle batterie, la nuova tecnologia potrebbe essere anche più pericolosa dei pacchi batteria attualmente diffusi nel settore. “La densità energetica è doppia, quindi hai una potenziale bomba che è più pericolosa“, ha detto Kazuhiro. La buona notizia è che Nissan ritiene di aver risolto la maggior parte dei rischi intrinseci.

Come funzionano le batterie allo stato solido

Le nuove batterie vengono realizzate a mano in lotti limitati in una struttura Nissan dove i lavoratori mescolano lentamente a mano un impasto elettrolitico di polvere catodica e melma nera e appiattiscono il tutto tra i fogli di alluminio. Questi fogli vengono quindi compressi a una pressione tre volte superiore a quella delle tradizionali batterie agli ioni di litio e impilati con fogli anodici. Infine, queste unità a quattro strati sono sigillate sottovuoto in buste di alluminio. Il processo è così noiosamente lento che Nissan attualmente produce solo 50 di queste buste al mese e, secondo Kenzo Oshihara, vicedirettore generale per l’ingegneria di produzione di batterie innovative, un’auto media ne avrà bisogno circa 5.000.

Ci vorrebbe molto tempo prima di poter realizzare una batteria per un’auto“, ha affermato il dirigente. “Le apparecchiature per la produzione di massa dovranno essere più sofisticate“. Quindi potrebbe farti saltare in aria e richiedere mesi per la produzione, ma Nissan crede che le sue batterie a stato solido rivoluzioneranno il settore.

Looks like you have blocked notifications!
NotizieAuto.it fa parte del nuovo servizio Google News, selezionaci tra i preferiti cliccando in alto la stellina Clicca Qui!