in ,

Bentley ammette di avere un problema con il suono dei veicoli elettrici

La Bentley spiega i suoi potenziali “problemi” con le auto elettriche

Bentley ammette di avere un problema con il suono dei veicoli elettrici
Bentley ammette di avere un problema con il suono dei veicoli elettrici

Nel caso in cui te lo fossi perso, Bentley diventerà completamente elettrica entro il 2030. È un’impresa enorme, ma essendo uno dei primi marchi di lusso ad aver preso l’impegno, il marchio è fiducioso di potersi adattare alle sfide affrontate dall’elettrificazione. Tuttavia, ci sono ancora alcuni problemi da superare per il marchio nel suo cammino verso un futuro elettrico. Bentley è orgoglioso di essere un costruttore di auto per gentleman driver, GT che ancora emozionano e premiano il pilota al volante.

Ma essendo il più grande produttore mondiale di motori a 12 cilindri, uno dei tratti distintivi del marchio è il rombo. Il suono di un motore W12 come quello della Bentley Continental GT Speed ​​è una firma del marchio. Il marchio potrebbe non fare affidamento su motori rumorosi come Mercedes-AMG, ma il suono di otto o 12 cilindri che si accendono mentre sei spinto verso l’orizzonte in completo comfort è parte integrante dell’esperienza di guida e una parte particolarmente emotiva di essa. Ma con i veicoli elettrici, Bentley perderà quella colonna sonora. E il dottor Matthias Rabe, membro del consiglio di ingegneria di Bentley, ne è ben consapevole.

Come sarà una Bentley silenziosa?

Rabe ha il compito di progettare la prossima generazione di Bentley, comprese quelle completamente elettriche come il SUV elettrico in arrivo nel 2025. Quando CarBuzz gli ha chiesto dei problemi che affliggono l’elettrificazione, sono state evidenziate due aree di preoccupazione. In primo luogo, il carattere di un motore a combustione – il modo in cui costruisce la sua potenza in un crescendo- e in secondo luogo, l’aspetto sonoro.

Rabe ha risposto: “È qualcosa per cui non abbiamo ancora una soluzione alternativa“, dice, riferendosi alla mancanza di una nota sul motore. Ma insiste affermando che è qualcosa che stanno cercando di trovare un modo per aggirare, capendo che il rombo è una parte importante dell’esperienza di guida.

Sul tema dell’erogazione di potenza, Rabe afferma che un propulsore elettrico si adatta effettivamente al profilo di Bentley come produttore di GT di lusso. Rabe afferma che in un’auto come la Mulsanne Speed, “il suo V8 da 6,75 litri con 1.100 Nm di coppia è senza sforzo allo stesso modo molto simile ad un propulsore elettrico“. Dice che la semplicità si tradurrà bene in Bentley completamente elettriche, adattandosi all’identità del marchio. Considera berline e SUV come il primo passo logico in quanto si tratta di esperienze di guida più raffinate che richiedono una dinamica di guida meno accentuata in confronto alle coupé come la Continental GT.

Bentley non ha fretta di apportare un cambiamento completo all’elettrificazione, tuttavia, e i modelli a combustione coesisteranno insieme ai nuovi veicoli elettrici ancora per qualche tempo. Alcuni membri del consiglio di amministrazione di Bentley volevano un cambiamento definitivo, originariamente previsto nel 2026, ma Rabe spiega che non lo vede come il percorso migliore e che il cambiamento sarà graduale, a partire dai PHEV come Bentayga e Flying Spur.

Looks like you have blocked notifications!
NotizieAuto.it fa parte del nuovo servizio Google News, selezionaci tra i preferiti cliccando in alto la stellina Clicca Qui!