Bentley
Bentley
in

Bentley segnala un aumento del 50% degli ordini

Quest’anno è iniziato bene per Bentley, in quanto ha registrato il 50% in più di ordini a gennaio rispetto allo stesso mese del 2020. Durante una recente intervista con Reuters, l’amministratore delegato di Bentley Adrian Hallmark ha rivelato che la casa automobilistica non ha subito grandi interruzioni a causa della carenza globale di semiconduttori né dall’uscita della Gran Bretagna dall’Unione europea.

“La banca degli ordini all’inizio di quest’anno era del 50 per cento superiore rispetto all’inizio dello scorso anno”, ha detto. “La Cina, di gran lunga, è la performance più eccezionale al mondo per quanto riguarda il livello degli ordini rispetto alle normali aspettative”.

Sebbene Hallmark non abbia rivelato esattamente quanti ordini la società si è assicurata quest’anno, arriva sul retro di un paraurti 2020 che ha visto la casa automobilistica britannica registrare vendite record consegnando 11.206 veicoli, il 2 percento in più rispetto al 2019, nonostante il COVID- 19 pandemia.

Lo stabilimento Bentley a Crewe, in Inghilterra, è stato chiuso per un periodo di sette settimane durante il primo blocco del Regno Unito nel marzo 2020. L’impianto ha quindi funzionato a metà capacità per le successive nove settimane. Le vendite sono aumentate grazie alla Cina, dove la domanda è aumentata del 48% principalmente a causa del nuovo Flying Spur. Anche la domanda è aumentata del 4% nelle Americhe, contribuendo a compensare la diminuzione della domanda in Medio Oriente e in Europa.

Ti potrebbe interessare: Bentley raggiunge vendite record nel 2020

Looks like you have blocked notifications!