in

BMW: aumentano i profitti nonostante la carenza di semiconduttori

La carenza dei semiconduttori non ferma BMW

BMW

Negli ultimi mesi, abbiamo segnalato diverse volte su varie case automobilistiche che hanno deciso di rimuovere determinate funzionalità da alcuni modelli. Ciò ha colpito marchi americani, tedeschi e persino all’interno o vicino alla capitale mondiale della produzione di semiconduttori, l’Asia, come Genesis. Il colpevole è stata la continua carenza di chip semiconduttori. Senza una risoluzione definitiva del problema, molti produttori non hanno avuto altra scelta che far uscire i veicoli dalla fabbrica nonostante non fossero veramente completi. Per altri, la soluzione migliore era semplicemente interrompere la produzione di veicoli a basso profitto e concentrarsi su macchine premium di fascia alta che generano profitti maggiori. BMW è stata una delle aziende ad adottare questo approccio e di conseguenza i guadagni del 2021 sono stati sostanzialmente rafforzati.

Con un minor numero di auto disponibili nell’inventario, gli acquirenti hanno lottato per trovare auto nuove adatte. Quindi mentre le case automobilistiche dovevano fare affidamento sugli sconti prima, il 2021 ha visto le auto sostanzialmente vendersi, anche a prezzi più elevati. Se vuoi subito la tua auto, paghi di più. Semplice. Come riportato dalla CNBC, l’anteprima degli utili di BMW – un rapporto completo sarà pubblicato alla riunione annuale della prossima settimana – rivela che i profitti hanno visto un enorme aumento annuo nel 2021.

BMW: i numeri dei profitti

12,46 miliardi di euro è stata la cifra dell’utile netto per l’intero 2021. Anche le entrate sono aumentate del 12,4% a € 111,24 miliardi. Le consegne di veicoli sono aumentate dell’8,4% rispetto al 2020, sebbene la pandemia abbia contribuito a ridurre le vendite di quell’anno. In totale, sono state consegnate poco più di 2,5 milioni di unità nonostante i problemi della catena di approvvigionamento, di cui circa il 13% con veicoli ibridi o completamente elettrici. Sono state registrate poco più di 328.000 vendite di veicoli elettrificati, con un aumento del 70%.

Gli investimenti per lo più guidati da veicoli elettrici di BMW l’anno scorso hanno speso il 10,7% in più in ricerca e sviluppo, con circa 6,3 miliardi di euro segnalati. È interessante notare che, se considerata come percentuale delle entrate, la spesa del 2021 è più o meno alla pari con quella del 2020, intorno al 6,2%. L’utile operativo nel segmento delle auto è aumentato al 10,3% dal solo 2,7% dell’anno precedente e dal 4,9% nel 2019.

I nostri dati aziendali sono la prova che siamo stati in grado di combinare la trasformazione sottostante e il grande investimento che essa comporta con un forte successo operativo in un mercato molto volatile nel 2021“, ha affermato Nicolas Peter, Chief Financial Officer di BMW AG. “Siamo in una buona posizione e ottimisti per il futuro“.

 

Looks like you have blocked notifications!
NotizieAuto.it fa parte del nuovo servizio Google News, selezionaci tra i preferiti cliccando in alto la stellina Clicca Qui!