Daimler
Daimler
in ,

Daimler è pronta per il futuro elettrico ma potrebbe costare caro

Daimler: il CEO Kallenius ha detto che il suo gruppo è pronto alla rivoluzione elettrica che però potrebbe costare posti di lavoro

L’amministratore delegato di Daimler Ola Kallenius afferma che la casa automobilistica tedesca è molto avanti rispetto al suo obiettivo del 2039 di eliminare gradualmente le auto con motore a combustione. In un rapporto del Financial Times, l’amministratore delegato del gigante automobilistico ha affermato che l’elevata domanda di modelli Mercedes elettrici aveva incoraggiato l’azienda ad accelerare la transizione a diventare un produttore di veicoli elettrici.

Questo è un enorme fattore che contribuisce all’obiettivo del gruppo di offrire una gamma completa di auto a emissioni zero entro i prossimi due decenni. All’inizio di quest’anno, Daimler ha assicurato ai suoi investitori che non avrebbe interrotto la produzione e la vendita di veicoli a benzina e diesel in anticipo, ma piuttosto li avrebbe utilizzati come “bancomat” per finanziare i loro piani per un futuro elettrico.

Da quando è stato nominato come capo di Daimler, Ola Källenius ha avuto un occhio vigile sul lancio della SQA, che deve essere commercializzato come alternativa alla Classe S. Tuttavia, il capo ha rifiutato di dare una data precisa in cui i motori a combustione saranno definitivamente messi da parte. Piuttosto, ha affermato che la pressione normativa unita a costi inferiori della batteria e “dinamiche di mercato” puntano tutti verso un cambiamento ragionevole.

A partire da ora, le vendite di auto elettriche stanno guadagnando slancio costante, con Mercedes che ha venduto 16.000 veicoli elettrici e 43.000 ibridi plug-in in tutto il mondo nei primi tre mesi di quest’anno, pari al 10% delle vendite globali.

Ma resta un serio dibattito su come l’elettrificazione metterà a rischio un numero considerevole di posti di lavoro nel settore automobilistico. Secondo il rapporto, Kallenius ha ammesso che l’assemblaggio di un propulsore elettrico richiede meno lavoro di quello della sua controparte a combustione, concludendo che le case automobilistiche tedesche dovranno avere in futuro con le parti sociali “una conversazione onesta sul lavoro”.

Looks like you have blocked notifications!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *