Hamilton
Hamilton
in ,

Ecco perché Hamilton non è stato penalizzato per la retromarcia

Molti sono rimasti sorpresi dal fatto che Lewis Hamilton sia tornato in pista al contrario, dopo il suo errore di Imola, e non abbia ricevuto penalità. Il direttore di gara Michael Masi spiega perché ritengono che il pilota della Mercedes non abbia fatto nulla al di fuori della legge. Lewis Hamilton è riuscito a completare la sua grande rimonta a Imola rientrando in pista dopo essere finito per errore sulla ghiaia.

La sua azione è stata criticata per essere pericolosa e contraria al regolamento. Tuttavia, i regolamenti stabiliscono solo che un’auto non può fare retromarcia nella Pit-Lane. Se lo si fa in pista, l’unico requisito imposto dalla FIA è che venga fatto in sicurezza, cosa che secondo loro Hamilton ha fatto in ogni momento, come spiegato dal direttore di gara Michael Masi.

“Se una macchina lascia la pista, il pilota può rientrare. In ogni caso, può farlo solo quando è sicuro e senza ottenere un vantaggio duraturo”, si legge nell’articolo 27.3 del regolamento sportivo. “In nessun momento un’auto può guidare inutilmente lentamente, in modo irregolare o in un modo che potrebbe essere pericoloso per altri conducenti o per chiunque altro”, aggiungono nell’articolo 27.4

Ti potrebbe interessare: Hamilton e Russell inizieranno la stagione con sei punti di penalità

Looks like you have blocked notifications!