Musk
Elon Musk
in ,

Elon Musk spiega la necessità di una ‘Tassa sul Carbonio’

Elon Musk sta lavorando duramente a una strategia energetica pulita a 360 gradi in Tesla. Con il solare, l’accumulo di batterie e le auto elettriche, Tesla è pronta a rimodellare il paradigma energetico globale. Tuttavia, i prodotti di Tesla non possono da soli andare così lontano. Secondo Mike Brown di Inverse, c’è qualcos’altro – e sembra essere “l’unica cosa importante secondo Elon Musk per affrontare il cambiamento climatico”.

Che cos’è? Durante la teleconferenza del primo trimestre di Tesla, Musk ha offerto la sua logica per una politica che introdurrebbe tasse sulle fonti di energia che producono carbonio.

“La cosa giusta da fare, penso da un punto di vista economico, e penso che quasi tutti gli economisti sarebbero d’accordo, è avere una tassa sul carbonio”, ha detto Musk. “Così come abbiamo una tassa sulle sigarette e sugli alcolici, che riteniamo abbiano maggiori probabilità di essere cattivi che buoni, e tendiamo a tassare meno frutta e verdura”.

“Lo stesso dovrebbe essere vero: dovremmo tassare l’energia che pensiamo sia probabilmente cattiva e sostenere l’energia che pensi sia probabilmente buona. Proprio come le sigarette e l’alcol contro frutta e verdura. È solo buon senso. Ma il lato positivo … non sto suggerendo a nessuno di essere compiacente, ma l’energia sostenibile, l’energia rinnovabile si sta evolvendo. Ma importa quanto velocemente si diffonderà e se la facciamo diffondere più velocemente, è meglio per il mondo “, osserva Musk.

Questa non è stata la prima volta che Musk ha espresso il suo sostegno a una tassa sul carbonio. In un documentario del 2016 prodotto da National Geographic, Musk ha detto a Leonardo DiCaprio che “se il governo stabilisce le regole per favorire l’energia sostenibile, possiamo arrivarci molto rapidamente”.

Sul lato positivo delle cose, questo sta già accadendo in alcuni posti in tutto il mondo. Brown riferisce che una tassa sul carbonio “significherebbe che i grandi inquinatori hanno incentivi finanziari per ridurre le loro emissioni. La Banca Mondiale osserva che la forma più comune è una tassa sul contenuto di carbonio dei combustibili fossili. Al momento, 25 paesi hanno una tassa sul carbonio in vigore “.

Accadrà qui negli Stati Uniti? Non ancora. Ma John Kerry, l’inviato presidenziale speciale per il clima, ha suggerito lo scorso mese che il presidente Biden potrebbe orientarsi verso una tassa sul carbonio: “Lui [Biden] non ha deciso o fatto un annuncio al riguardo, ma sappiamo tutti che uno dei modi più efficaci per ridurre le emissioni è aumentare il prezzo del carbonio “.

Looks like you have blocked notifications!