Fiat 500L restyling
Fiat 500L restyling
in

Fiat 500L restyling: le ultime foto spia dal web

Nelle scorse ore molto scalpore ha fatto sul web l’arrivo di nuove immagini spia relative al rinnovo della celebre monovolume italiana Fiat 500L restyling. Questo veicolo era già stato immortalato nei mesi scorsi nella versione prototipo camuffato che aveva subito fatto pensare ad un suo imminente arrivo. In base alle ultime foto apparse sul web e scattate sulle nevi del Nord Europa, pare proprio che l’aggiornamento di questo veicolo possa essere già presentato nel corso del prossimo anno, molto probabilmente nel corso di uno dei più celebri saloni auto della stagione. Questo veicolo è ormai giunto a metà della sua carriera e dunque sembra logico attendersi un ritocco, visto anche che le vendite ultimamente sono state meno soddisfacenti del passato. 

Fiat 500L restyling: arriva nel 2017?

Infatti sebbene Fiat 500L restyling sia ancora la più venduta monovolume nel vecchio continente, in altre zone del pianeta la situazione è ben diversa e dunque secondo più di qualcuno urge un rinnovamento. Questo potrebbe avvenire prima di quanto si possa immagina. Esteticamente parlando il veicolo, così come si vede nelle immagini che vi mostriamo, dovrebbe presentare le maggiori differenza nella parte anteriore dove troveranno spazio i nuovi gruppi ottici al Led. Ma più in generale l’intera fanaleria dovrebbe presentare grandi novità.

Leggi anche: Alfa Romeo Crossover: ecco l’ultimo rendering dal web

Fiat 500L restyling
Fiat 500L restyling: arriva nel 2017?

Leggi anche: Mercedes Classe SL: ecco le ultime novità dalla settima generazione

Anche gli interni, così come ci ricorda anche Automoto.it, dovrebbero subire un radicale mutamento rispetto al modello attualmente sul mercato. L’obiettivo è quello di renderlo sempre più al passo coi tempi e favorirne così un incremento della produzione che negli ultimi tempi nello stabilimento Fiat Chrysler in Serbia, dove l’auto viene prodotta, è andato scemando. Questo ha anche portato alla riduzione di un terzo del personale presente nel noto sito produttivo di Krasnodar.

Looks like you have blocked notifications!