Sergio Marchionne
Sergio Marchionne: amministratore delegato di Fiat Chrysler Automobiles
in

Fiat Chrysler: il titolo vola in Borsa per le voci di fusione

Fiat Chrysler Automobiles è di nuovo al centro delle indiscrezioni sulla presunta fusione con General Motors auspicata dal numero uno del gruppo italo americano, l’amministratore delegato Sergio Marchionne. Il Ceo di FCA negli scorsi anni più volte ha tentato senza riuscirci di convincere Mary Barra, CEO di General Motors a fare una fusione con FCA creando il più grande gruppo automobilistico del mondo. Le cose però potrebbero essere cambiate negli ultimi giorni. Infatti, secondo i soliti bene informati, la cessione di Opel da General Motors al gruppo francese PSA che annovera marchi del calibro di Citroen, Peugeot e DS, sarebbe ormai cosa fatta.

Fiat Chrysler: fusione con General Motors?

Questo significa che la posizione in Europa di General Motors si indebolirebbe molto. Inoltre il gruppo americano direbbe addio al sogno di diventare il primo gruppo al mondo superando Volkswagen e Toyota. Questa posizione di debolezza farebbe tornare in auge la fusione con Fiat Chrysler. Gli analisti ci credono sul serio ed infatti il titolo Fiat Chrysler in Piazza Affari si impenna. Attualmente la quotazione  è assai vicino agli 11 euro che è  uno dei  massimi storici dai tempi della creazione di FCA. Tra l’altro la fusione sarebbe ben vista anche dal nuovo inquilino della casa bianca Donald Trump.

Fiat Chrysler
Fiat Chrysler Automobiles: possibile la fusione con General Motors dopo la probabile cessione di Opel al gruppo francese PSA

Leggi anche: Fiat 124 Spider America: l’edizione limitata arriva finalmente sul mercato

Anche gli eredi della famiglia Agnelli vedrebbe bene una fusione con GM

Anche gli eredi della famiglia Agnelli, sempre secondo indiscrezioni, non vedrebbero male l’idea di disimpegnarsi dal gruppo italo americano concentrando le proprie attenzioni su Ferrari, con Marchionne che rimarrebbe nella nuova società ma con una posizione più defilata rispetto a quella attuale. Vedremo dunque se tali voci troveranno fondamento nei prossimi mesi.

Looks like you have blocked notifications!