Fiat
Fiat sconti di Natale e il tutolo vola in Borsa
in

Fiat: sconti a Natale in Italia e il titolo vola a Piazza Affari

Natale 2016 sarà periodo di sconti per Fiat in Italia. La più importante casa automobilistica italiana si prepara a vivere un mese di dicembre da autentica protagonista grazie ad alcuni sconti che verranno applicati sui prezzi di listino di alcuni dei suoi veicoli più famosi. L’iniziativa riguarderà Panda, Qubo e Punto e anche una vettura targata Lancia, la city car Ypsilon. Lo sconto minimo che verrà praticato per tutto il mese di dicembre sarà di 2500 euro rispetto a quanto previsto nel prezzo di listino. Tuttavia è possibile in base al modello prescelto arrivare ad ottenere anche sconti molto più elevati. In taluni casi infatti questi superano i 5 mila euro rispetto al prezzo di listino.

Fiat: sconti e buone notizie

In questa maniera l’obiettivo della principale casa automobilistica italiana è quello di primeggiare ulteriormente anche nel mese di dicembre sul mercato di casa, dopo gli ottimi risultati fatti registrare nel mese di novembre appena concluso, mese che ha visto ben 4 veicoli Fiat nella top ten dei più venduti. Classifica in cui al secondo posto subito dietro Fiat Panda, troviamo proprio Lancia Ypsilon. Questa comunque non è l’unica notizia interessante che riguarda il gruppo di Sergio Marchionne oggi. Sta facendo molto scalpore un dato che emerge e che arriva da Piazza Affari.

Leggi anche: Fiat: 4 modelli nella top ten delle vendite in Italia

Fiat
Fiat

Leggi anche: Fiat Chrysler: bilanci di fine anno per il gruppo di Sergio Marchionne

Il titolo di Fiat Chrysler infatti dal giorno dell’elezione a Presidente degli Stati Uniti di Donald Trump che a sorpresa ha superato Hillary Clinton, è stato protagonista di una vera e propria impennata con una crescita di oltre il 20%. Il risultato è dovuto al fatto che gli analisti pensano che l’elezione di Trump potrebbe giovare al settore delle auto negli USA. Trump a differenza del predecessore Obama non userà il pugno di ferro con i produttori di auto che probabilmente riceveranno un vantaggio dalla sua presenza contrariamente a quanto si era pensato inizialmentee. Tra l’altro la nomina di Mary Barra Ceo di General Motor nel comitato dei saggi che affinacheranno Trump per le decisoni economiche fa ben sperare gli analisti del settore, sul fatto che la linea del Presidente  Trump nei confronti del settore automotive sarà ‘morbida’.

Looks like you have blocked notifications!