Formula 1
Formula 1
in ,

Formula 1: L’Austria presenta la candidatura per sostituire la Turchia

In vista di una possibile sospensione del GP di Turchia, dall’Austria si sono affrettati a presentare la loro candidatura per colmare una potenziale lacuna nel calendario della F1 a metà giugno, dove potrebbero avere anche 6.000 tifosi sugli spalti.  Il governo del Regno Unito ha vietato ai suoi cittadini di entrare in Turchia, mancando poco più di quattro settimane per la F1 per avere, presumibilmente, il suo GP di Turchia dall’11 al 13 giugno, che a sua volta sostituisce il già cancellato GP del Canada.

Se la gara di Istanbul non sarà organizzata, la F1 potrebbe considerare di sostituire l’evento turco con un altro test – probabilmente europeo per motivi logistici – o semplicemente lasciare un vuoto e ridurre il suo calendario. Dall’Austria, invece, hanno già presentato la loro candidatura per un doppio appuntamento in F1, come hanno fatto nella stagione 2020. Lo ha affermato il vicecancelliere austriaco, Werner Kogler.

“Non possiamo fingere che la pandemia sia finita, ma se il livello di nuovi casi è entro limiti accettabili e possiamo vaccinare la nostra popolazione, penso che entro luglio potremmo avere 6.000 persone sugli spalti di Spielberg”, ha citato Kogler per il Rotary Neue am Sonntag. Va ricordato che la lega di calcio austriaca aprirà le sue porte a 3.000 fan per partita questa settimana.

Kogler ha anche ricordato come ha iniziato il piano per organizzare due gare di F1 nel 2020 insieme al team Red Bull – proprietario del circuito di Spielberg.

“Le due gare del 2020 sono state un nuovo standard in tutto il mondo e tutto è iniziato con una conversazione di un’ora con Helmut Marko a Santo Domingo. Questa volta non ci saranno regole speciali per l’area spettatori”, ha concluso.

Ti potrebbe interessare: Domenicali: ‘Budget cap in Formula 1 buon esempio per la Super League’

Looks like you have blocked notifications!