Questo sito fa parte di NotizieOra network

Formula 1Motorsport

Formula 1: le future gare continueranno anche se ci saranno nuovi casi di coronavirus

Un futuro gran premio di Formula 1 non sarà cancellato se un altro caso di coronavirus dovesse essere scoperto sul posto

Formula 1 Gp Austria

Un futuro gran premio di Formula 1 non sarà cancellato se un altro caso di coronavirus dovesse essere scoperto sul posto, secondo il capo della commissione medica della FIA. Il messaggio discutibilmente sorprendente è arrivato dal professor Gérard Saillant, che afferma che i progressi fatti in così breve tempo per rilevare e isolare i vettori COVID-19 consentirebbero alla F1 di correre in sicurezza. A metà marzo, la F1 ha deciso di annullare il Gran Premio d’Australia di apertura della stagione dopo che un membro del team della McLaren si è dimostrato positivo per la malattia. Altre nove gare sono state posticipate o annullate a causa della pandemia globale, con la F1 che spera di iniziare la stagione in Austria all’inizio di luglio e sotto severi controlli.

Un futuro gran premio di Formula 1 non sarà cancellato se un altro caso di coronavirus dovesse essere scoperto sul posto

Saillant è fiducioso che con le misure che devono essere imposte, anche se c’è un ulteriore test positivo all’interno del paddock, la Formula 1 continuerà. “La situazione si è evoluta dall’Australia”, ha detto il francese 75enne a L’Equipe. “Abbiamo fornito un dispositivo di risposta rapida per confermare la diagnosi, isolare e testare le persone che sono state in contatto con un caso positivo. Per me, in quel caso il Gran Premio non sarebbe annullato. È come se mi stessi dicendo che la metropolitana è chiusa perché un viaggiatore è stato diagnosticato positivo.”

Saillant ha confermato che la FIA sta attualmente lavorando su raccomandazioni formulate sia dall’Organizzazione mondiale della sanità che dal Comitato olimpico internazionale, sostenendo che quest’ultima organizzazione è interessata ai piani dell’organo di governo poiché la Formula 1 è destinata a diventare “il primo evento sportivo internazionale a ricominciare”. Con i piani per ogni paese probabilmente diversi, Saillant ha dichiarato: “Ciò che accadrà in Austria potrebbe essere diverso da ciò che accadrà in Germania o in Ungheria.

“Ogni paese ha regolamenti diversi e la situazione del circuito, degli hotel, influenzerà anche questa regola di confinamento. Se la pista è in campagna, le cose sono diverse rispetto a quelle in una città.”Singapore o il Vietnam avrebbero un’organizzazione medica completamente diversa se avessero un gran premio di Formula 1 da organizzare ora. Per l’Austria, è diverso. Il paese sta emergendo dalla crisi che, in patria, è stata relativamente moderata. In questo paese sicuro, la regola del gioco sarebbe quella di rendere il paddock di Formula 1 ancora più sicuro”.

Ti potrebbe interessare: La Formula 1 concorda un limite di budget di 145 milioni per il 2021