Formula 1Motorsport

Formula 1: Mercedes ammette di aver provato già il DAS nel 2018

Mercedes - DAS

Il sistema Mercedes Dual-Axis Steering (DAS) è il prodotto di un dispositivo precedente utilizzato “un paio di anni fa”, ha rivelato il team. Il DAS delle Silver Arrows, che ha provocato una tempesta di fuoco immediato con il suo debutto sulla nuova W11 durante i test di preseason a Barcellona, ​​era stato recentemente oggetto di speculazioni sul fatto che fosse già stato usato prima di questa stagione e ora il capo designer Mercedes John Owen ha confermato che in effetti le cose sono andate così.

Mercedes ha ammesso di aver usato il DAS già almeno un paio di volte in passato

“Ormai non ci sono quasi più nuove idee, ci sono solo vecchie idee, ma ci sono diverse raccolte di idee che rendono un nuovo concetto qualcosa di diverso”, ha detto in un video pubblicato sul canale YouTube del team. “E così il sistema DAS è nato dalle ceneri di qualcos’altro, qualcosa che abbiamo provato, qualcosa che avevamo effettivamente utilizzato sull’auto un paio di anni fa, quel tipo di funzionamento, ma in realtà non ha mantenuto tutte le promesse che avevamo riposto in esso.”

“Quindi è stato un po’ messo da parte come qualcosa che abbiamo provato e forse non è stato all’altezza delle nostre aspettative.” In effetti, Valtteri Bottas aveva ammesso a febbraio di essere “consapevole del DAS da molto tempo”, mentre Owen ha indicato che come molte idee, le sue radici risalgono ancora più indietro. “Ci sono molte altre cose del genere che sono là fuori, all’interno del team, nelle menti delle persone, progetti che le persone ricordano.

“Il sistema DAS era, beh: e se potessi fare qualcosa del genere? Cosa dicono le regole? “E le regole in effetti non l’hanno impedito. Abbiamo pensato che fosse insolito e sorprendente. “ Sfortunatamente per tutto il lavoro svolto per lo sviluppo di DAS da parte di Mercedes, il suo utilizzo sarà di breve durata, con la FIA che lo ha bandito per la stagione 2021. Tuttavia, Owen ritiene che la reazione sia dei rivali che dei fan che hanno mostrato grande interesse e curiosità per la nuova tecnologia, in futuro sarà soffocata  dai regolamenti.

“Ciò che il sistema DAS ha dimostrato è che in Formula 1 c’è ancora molta voglia di quel tipo di innovazione, in cui all’improvviso il guidatore muove il volante in modo diverso da quello di tutti gli altri e sta succedendo qualcosa che non ci aspettavamo”, ha affermato. “Penso che per il nostro sport sarebbe meglio se ci fossero tanti di questi casi. Porterebbe molto più interesse nello sport. ”

Ti potrebbe interessare: Brown: Il coronavirus sta finalmente svegliando tutti in Formula 1

Looks like you have blocked notifications!
Related posts
MotoGPMotorsport

Valentino Rossi conferma l'arrivo della sua squadra in MotoGP nel 2022

Formula 1Motorsport

Sainz, ottimista per Portimao: "Sono contento, ma vogliamo di più"

Formula 1Motorsport

Hamilton vuole continuare in F1

Formula 1Motorsport

La F1 conferma il ritorno del GP di Turchia in sostituzione della gara canadese