in

Horner, Red Bull: “Non è nella nostra cultura quella di arrendersi”

La Red Bull continuerà a sviluppare la monoposto 2021: parola di Chris Horner

Horner, Red Bull: "Non è nella nostra cultura quella di arrendersi"
Horner, Red Bull: "Non è nella nostra cultura quella di arrendersi"

Christian Horner insiste sul fatto che la Red Bull non si concentrerà sul 2022 mentre i titoli del 2021 sono in palio. Dopo la pausa estiva di tre settimane, le ostilità della Formula 1 riprendono questo fine settimana in Belgio mentre la Red Bull cerca di riconquistare il vantaggio a Spa Francorchamps.

I disastri del primo giro a Silverstone e all’Hungaroring hanno fatto recuperare moltissimo terreno alla Mercedes, tornando al comando in entrambi i campionati.

Tuttavia, mentre la maggior parte delle squadre ha già spostato l’attenzione sul 2022 e sulla revisione del regolamento, Christian Horner insiste sul fatto che mentre il titolo 2021 resta possibile, la Red Bull continuerà a sviluppare la sua attuale monoposto.

L’intervista a Chris Horner

È radicato in chi siamo come scuderia che non è nella nostra cultura rinunciare a nessuna stagione“, dice a Motorsport.com. “Naturalmente abbiamo anche i vincoli del limite di budget, il che rende la vita leggermente più complicata”, aggiunge. “Ma le persone hanno ricordi a breve termine in questo sport e devi provarci“.

Ogni gara è un’opportunità“, insiste. “Se significa che le persone devono lavorare un po’ di più e qualche ora in più per consentirlo, allora tutti sono all’altezza di questa sfida“. I suoi commenti seguono l’ammissione di Toto Wolff che la Mercedes aveva spostato l’attenzione sul 2022, sebbene la squadra tedesca sia stata costretta a rivedere quella politica mentre la minaccia del suo rivale si intensificava.

Non so quali siano i loro limiti“, dice Horner, quando gli è stato chiesto se la decisione originale della Mercedes lo avesse sorpreso. “Non posso giudicare altre organizzazioni senza avere tutti i dati. Il limite dei costi sta avendo un impatto significativo sulla loro pianificazione e su come sono stati gestiti durante il periodo COVID“, ha aggiunto. “Tutto quello che posso fare è concentrarmi su quello che stiamo facendo e siamo molto a nostro agio con l’approccio che stiamo adottando. Siamo riusciti a mantenere molto unita tutta la squadra. Ovviamente se saranno due secondi davanti a noi alla prima gara del prossimo anno, sarà una delusione”, ammette. “Ma sento che abbiamo l’equilibrio proprio in questo momento“.

Looks like you have blocked notifications!
NotizieAuto.it fa parte del nuovo servizio Google News, selezionaci tra i preferiti cliccando in alto la stellina Clicca Qui!