Questo sito fa parte di NotizieOra network

Tecnica auto

Il Carburatore: ecco cos’è e come funziona

Tra i sistemi di immissione del carburante nel motore, ad accensione comandata, il carburatore e il più conosciuto

carburatore

Tra i sistemi di immissione del carburante nel motore, ad accensione comandata, il carburatore e il più conosciuto. Il carburatore e stato inventato in Italia da Luigi De Cristoforis nel 1876 ed e formato da un condotto che mette in comunicazione l’interno del motore con l’esterno. Nel condotto è presente una valvola a farfalla o a saracinesca (detta anche a ghigliottina solitamente montata sui motori motociclistici) che regola l’afflusso di aria all’interno del motore e un sistema di immissione della benzina.

Tra i sistemi di immissione del carburante nel motore, ad accensione comandata, il carburatore e il più conosciuto

La valvola sui motori motociclistici è azionata direttamente da una corda collegata alla manopola del gas e regola la miscela aria/benzina che viene aspirata tramite depressione  durante la discesa del pistone se il motore è a 4 tempi o dalla salita dello stesso tramite il carter se il motore è a 2 tempi. Sotto al corpo della valvola a ghigliottina troviamo la vaschetta che tramite un galleggiante regola l’afflusso al carburatore stesso attraverso un getto (intercambiabile) calibrato. I getti nel carburatore solitamente sono 2 uno di “minimo” e uno di “massimo”

Il primo regola il minimo del motore (la giusta quantità di benzina che serve al propulsore per rimanere in moto. Il secondo Il getto, e chiuso da uno spillo conico solidale alla valvola e regola la benzina ai medi e alti regimi, la conicità dello spillo fa si che man mano che si da gas attraverso la manopola il getto si apre sempre di più fino a rimanere tutto aperto. Il carburatore ormai quasi in disuso  è  relegato solamente ai motori 2 tempi

Vi lascio un link ad un video dove poter vedere un carburatore in tutte le sue parti: