Questo sito fa parte di NotizieOra network

Tecnica auto

Il sistema Keyless o Smartkey: ecco cosa è e come funziona

Il sistema di apertura e avviamento senza chiave, chiamato “Keyless” o “Smartkey” è una delle tecnologie più interessanti di un’auto

Keyless

I veicoli avanzano anche nel campo delle tecnologie orientate al comfort e uno di questi è senza dubbio il sistema di apertura e avviamento senza chiave, chiamato “Keyless” o “Smartkey”. Fondamentalmente, utilizza antenne distribuite dal veicolo che ricevono un segnale dalla chiave e, una volta rilevate, consentono di aprire e avviare le portiere dell’auto. I sistemi di apertura senza chiave sono presenti nel mondo dell’automobilismo già da un po’, in particolare da metà degli anni ’80, quando Renault proseguì offrendo l’apertura a distanza per le porte del suo leggendario Fuego, una soluzione che funzionava e piaceva soprattutto negli Stati Uniti. Tuttavia, l’introduzione della tecnologia di apertura senza la necessità di alcun tipo di interazione con l’utente ha iniziato a dare i suoi primi frammenti a metà degli anni ’90 con Siemens e Mercedes-Benz come portabandiera del progetto.

Il sistema di apertura e avviamento senza chiave, chiamato “Keyless” o “Smartkey” è una delle tecnologie più interessanti di un’auto

La caratteristica del sistema Keyless è che ti consente di accedere all’interno del veicolo e avviarlo senza doverlo raccogliere fisicamente o metterlo in contatto, è sufficiente portarlo in tasca affinché l’auto lo rilevi e ti consenta di eseguire queste operazioni. Allo stesso modo, quando ci si allontana, si attivano tutte le misure di sicurezza, anche se ci sono anche veicoli che ti permettono di farlo toccando la superficie delle maniglie delle porte. È una funzione che di solito viene fornita di serie in alcuni veicoli di fascia alta attuali, sebbene sia disponibile come opzione in altri modelli.

Per questo, l’auto ha distribuito una serie di antenne sia all’esterno che all’interno. Il tasto emette un segnale a una certa frequenza che, quando è abbastanza vicino, viene rilevato da queste antenne. Quando la Control Unit di bordo conferma la validità del segnale, agisce sul sistema di chiusura centrale. Lo stesso accade una volta dentro. Da lì, ogni marchio può implementare le funzioni che desidera. Ad esempio, aziende diverse come Bugatti o Ford con la loro Kuga offrono la possibilità di impostare una velocità massima a seconda della chiave utilizzata per sbloccare il veicolo.

La distanza massima stabilita dalla maggior parte dei marchi per la soglia di azione è generalmente compresa tra 5 e 20 metri . Tuttavia, questa tecnologia è stata fonte di controversie negli ultimi anni. Ci sono stati assicuratori che hanno stabilito una distanza massima di dieci centimetri per il suo funzionamento, e anche alcuni che si sono rifiutati  di assicurare determinate auto con questo sistema, incoraggiati dalle notizie e dagli studi che indicano la facilità di rubarli utilizzando i ricevitori di segnale e ” hackerare i “tuoi dispositivi” senza chiave. Questo è il motivo per cui si consiglia di conservare la chiave in un contenitore di metallo, al fine di bloccarne il segnale e in modo che gli eventuali ladri non possano rilevarlo.

D’altra parte, i marchi e le case produttrici di automobili assicurano che le auto non sono mai state così sicure come lo sono oggi e, dato questo, viene rubato solo lo 0,3% della flotta mobile mondiale. Tuttavia, le ultime ricerche in questo campo sono dirette all’uso dell’infrarosso, la stessa tecnica usata nelle nostre carte “senza contatto”, qualcosa di molto più difficile da “hackerare”.

Altri marchi scommettono su elementi che sembrano ancora più all’avanguardia di Keyless. Subaru, ad esempio, sostiene l’uso della tecnologia di riconoscimento facciale per rilevare il conducente seduto al volante, o Hyundai, che ha annunciato le sue intenzioni di implementare un sistema di avviamento basato sul rilevamento delle impronte digitali nel futuro Santa Fe.