Questo sito fa parte di NotizieOra network

MotoGPMotorsport

Joan Mir rinnova con Suzuki per le stagioni 2021 e 2022

Joan Mir continuerà a difendere i colori della Suzuki in MotoGP fino alla fine del 2022 avendo rinnovato il suo contratto

Joan Mir

Joan Mir continuerà a difendere i colori della Suzuki in MotoGP fino alla fine del 2022 dopo aver ampliato il suo legame con la casa di Hamamatsu per altre due stagioni. Seguendo la scia del suo partner Álex Rins,  che ha già rinnovato per due anni, il giovane 22 enne sigilla il suo futuro con il marchio giapponese e raggiunge un ciclo di quattro stagioni sotto l’ombrello Suzuki dopo aver debuttato nel 2019 con risultati promettenti. Tuttavia, nel suo primo anno in MotoGP, Joan Mir ha raggiunto il quinto posto come miglior risultato nel GP australiano, oltre a raggiungere quota 92 punti a fine stagione.

Joan Mir continuerà a difendere i colori della Suzuki in MotoGP fino alla fine del 2022 avendo rinnovato il suo contratto

Su questo rinnovo per due stagioni, Joan Mir ha dichiarato: « Sono estremamente felice di firmare con Suzuki per altri due anni. Il rinnovo è la cosa migliore che poteva accadermi e un sogno diventato realtà. È davvero importante per me continuare con il team perché in questo modo ho più tempo per imparare e mostrare il mio potenziale. Sono pronto per passare al livello successivo e stiamo tutti lavorando per realizzare ciò. Sono anche molto felice perché a livello personale ho una squadra davvero buona intorno a me. Posso solo ringraziare tutti in Suzuki per la fiducia che hanno riposto in me. Spero di poter rispondere a questa fiducia ottenendo i risultati che tutti ci aspettiamo “.

Da parte sua, Davide Brivio a capo del progetto Suzuki in MotoGP ha aggiunto: «Siamo molto felici di aver raggiunto un accordo con Mir e di aver chiuso la nostra line-up per i prossimi due anni. Joan è un pilota di talento ed è molto importante continuare insieme per sfruttare al massimo l’esperienza che abbiamo costruito finora. Siamo felici di avere una squadra così giovane con due piloti forti come Álex e Joan perché era uno dei nostri obiettivi. Ora possiamo guardare al futuro con fiducia.”

Ti potrebbe interessare: Marc Márquez propone di congelare i contratti della MotoGP fino al 2021