Formula 1Motorsport

La F1 conferma il ritorno del GP di Turchia in sostituzione della gara canadese

F1

Il Gran Premio di Turchia tornerà nel calendario di F1 di questa stagione dopo che la gara canadese è stata ufficialmente annullata a causa delle preoccupazioni per il Covid-19. L’evento dell’11 e 13 giugno è stato cancellato per “motivi di salute pubblica” dai funzionari della sanità di Montreal, anche se è chiaro che le loro controparti del Quebec erano disposte a consentire che la gara procedesse a porte chiuse.

Tuttavia, accanto all’annuncio che ha rivelato la cancellazione del GP per il 2021, è arrivata la notizia di un’estensione del contratto di due anni per il Gran Premio del Canada con il futuro dell’evento ora fissato nel calendario fino al 2031.

Dopo che un rapporto dell’emittente nazionale Radio-Canada di due settimane fa ha anticipato l’annullamento, la F1 ha insistito sul fatto che la gara era ancora in discussione nella speranza di trovare una via d’uscita. Il principale ostacolo per la F1 che non è stato possibile superare, tuttavia, è stato il fatto che attualmente è previsto un periodo di quarantena di due settimane per tutti gli arrivi in ​​Canada.

Nonostante l’offerta della F1 di gestire una rigida politica sulle bolle, cosa riuscita con successo con il Gran Premio di Abu Dhabi della scorsa stagione, le preoccupazioni sono rimaste troppo alte per i funzionari sanitari di Montreal dato che il fine settimana precedente la Formula 1 corre in Azerbaigian. Significa che la Turchia ora occuperà lo slot vacante, che logisticamente serve bene la F1 data la vicinanza delle due nazioni, con Istanbul a meno di tre ore di volo da Baku.

Il circuito di Istanbul Park ha fatto lo scorso anno un gradito ritorno nel calendario della scorsa stagione dopo un’assenza di nove anni e ha consegnato probabilmente il Gran Premio più emozionante del calendario di 17 gare. Una pista nuova combinata con la pioggia ha finito per creare uno spettacolo accattivante, vinto da Lewis Hamilton che ha anche conquistato il suo settimo titolo in F1.

“Anche se è deludente non poter essere in Canada in questa stagione, siamo entusiasti di confermare che la Turchia ospiterà un Gran Premio nel 2021 dopo un’incredibile gara della scorsa stagione”, ha dichiarato il presidente e CEO della F1 Stefano Domenicali.

“So che tutti i nostri fan sono entusiasti dell’inizio di stagione e la Turchia è un grande circuito che offre grandi battaglie in pista. “Voglio ringraziare il promotore e le autorità canadesi per tutti i loro sforzi nelle ultime settimane, ma la situazione del viaggio ha reso i nostri piani impossibili.

“Voglio ugualmente ringraziare il promotore e le autorità in Turchia per la loro continua disponibilità a ospitare una gara di Formula 1 che mostra l’enorme interesse per il nostro sport e la speranza di molte località di avere un Gran Premio. “Abbiamo avuto ottime conversazioni con tutti gli altri promotori dall’inizio dell’anno e continueremo a lavorare a stretto contatto con loro durante questo periodo”.

Ti potrebbe interessare: Leclerc contro il tetto salariale in Formula 1: “Ne parleremo con la FIA”

Looks like you have blocked notifications!
Related posts
MotoGPMotorsport

Valentino Rossi conferma l'arrivo della sua squadra in MotoGP nel 2022

Formula 1Motorsport

Sainz, ottimista per Portimao: "Sono contento, ma vogliamo di più"

Formula 1Motorsport

Hamilton vuole continuare in F1

Formula 1Motorsport

Domenicali: la pianificazione di questa stagione di F1 è ancora più difficile rispetto allo scorso anno