Ferrari F512M
Ferrari F512M
in ,

La rara Ferrari F512M aveva anche una versione convertibile

La Ferrari F512M è stato l’ultimo aggiornamento dell’iconica saga di Testarossa e sebbene sembri esteticamente un restyling un po’ improvvisato, la verità è che è stata un’enorme evoluzione rispetto al suo predecessore. Sebbene le sue caratteristiche principali e le novità si trovino nel cambio di ottica, un cambiamento controverso per molti specialisti, la verità è che sotto i pannelli del corpo troviamo un modello molto modificato.

Ferrari F512M aveva anche una versione convertibile molto rara essendo stata prodotta in edizione limitata di 510 esemplari

La Ferrari Testarossa nacque nel 1984, successore della gamma Berliner Boxer, dalla quale ereditò una piattaforma e un motore piatto a 12 cilindri che fu erroneamente sollevato in eccesso per poter installare la trasmissione sotto il blocco. Ciò che è stato messo per sollevare completamente il motore e quindi il baricentro del modello di Ferrari con conseguenze disastrose per le prestazioni meccaniche del veicolo. La Ferrari 512 TR ha ampiamente rispettato l’estetica originale Testarossa, ma ha cercato di alleviare questo fondamentale errore di progettazione riposizionando il motore e la trasmissione , anche se non è stato fino alla comparsa della F512M che gli ingegneri del marchio italiano hanno davvero risolto definitivamente questo problema.

La Ferrari F512M è stata presentata all’inizio dell’estate del 1994 con un’estetica piuttosto strana, perché sebbene rispettasse anche le linee originali del Testarossa, ha rilasciato un nuovo paraurti che ha cercato di imitare il design anteriore della nuova Ferrari F355 presentato pochi mesi prima ed eliminato gli attraenti proiettori a scomparsa con ottica fissi posta sotto una copertura trasparente di forme quadrate. Nella parte posteriore, le caratteristiche doghe orizzontali sono scomparse. Caratteristiche di design che hanno mantenuto i modelli del marchio fino all’arrivo della rivoluzionaria Ferrari Monza SP1 e Monza SP2 .

Quindi, il risultato sembrava mal eseguito, perché era fondamentalmente una Testarossa con nuovi fari incorporati nelle aree anteriore e posteriore che non avevano poco o nulla a che fare con il design originale dell’auto sportiva italiana. Sebbene a livello meccanico, ebbe una nuova evoluzione del V12 piatto che portò la potenza a 441 CV e uno schema di telaio fortemente rivisto che migliorò significativamente le qualità dinamiche dei suoi predecessori. La nuova Ferrari F512M è stata prodotta in una rigorosa edizione limitata. Sono state assemblate solo 501 copie , quindi è una parte molto più rara rispetto ai suoi predecessori, di cui sono state prodotte più di 9.300 unità.

Ti potrebbe interessare: Sainz migliorerà ciò che la Ferrari è in grado di fare secondo Joaquín Verdegay

Looks like you have blocked notifications!