in

L’Italia punta a investire 1 miliardo di euro con Stellantis in una nuova fabbrica di batterie

Il governo italiano starebbe cercando di raccogliere 1 miliardo di euro per costruire una fabbrica di batterie per auto elettriche con Stellantis

Stellantis
Stellantis

Come parte del suo passaggio alla mobilità elettrica, Stellantis è alla ricerca di sedi europee e nordamericane per costruire impianti di batterie. L’Italia è emersa come uno dei principali contendenti mentre il paese raccoglie fondi per corteggiare il conglomerato automobilistico. Fonti vicine al progetto hanno detto a Reuters che il governo italiano sta cercando di raccogliere 1 miliardo di euro per costruire una fabbrica di batterie per auto elettriche con Stellantis.

Il governo ha già stanziato 600 milioni di euro in fondi pubblici per il progetto, secondo un piano inviato all’UE ad aprile. Ora, però, le fonti dicono che l’Italia ha intenzione di istituire una partnership pubblico-privata con una quota importante detenuta da Stellantis.

Secondo quanto riferito, negli ultimi mesi si sarebbero svolti cinque incontri tra il top management di Stellantis e il ministro per la Transizione Energetica Roberto Cingolani e negli incontri è stata inclusa anche ACC, una joint venture di batterie costituita da PSA, una delle entità fondatrici di Stellantis. Stellantis ha già due gigafabbriche in cantiere in Germania e Francia, mentre altri membri dell’UE, come la Spagna , sono interessati a investire in esse.

“C’è molta concorrenza… dovremo offrire una strategia forte e una squadra credibile”, ha detto a Reuters una fonte del ministero italiano. Stellantis è stata costituita quest’anno dalla fusione tra PSA e FCA. Insieme, sono diventati la quarta più grande azienda automobilistica al mondo e il passaggio alla mobilità elettrica è sempre più visto come una necessità per un futuro sostenibile.

Ti potrebbe interessare: Stellantis discute con Roma le condizioni per costruire una gigafactory in Italia

Looks like you have blocked notifications!
NotizieAuto.it fa parte del nuovo servizio Google News, selezionaci tra i preferiti cliccando in alto la stellina Clicca Qui!