Mitsubishi
Mitsubishi
in

Mitsubishi sviluppa sensori per la guida autonoma che funzionano anche in casi estremi

La casa giapponese annuncia di aver realizzato una tecnologia che potrebbe risolvere molti problemi alle auto autonome

Mitsubishi ha annunciato oggi di aver sviluppato una tecnologia di rilevamento estremamente precisa dei perimetri dei veicoli anche in caso di nebbia fitta o pioggia intensa. La tecnologia dovrebbe consentire ai sistemi di guida autonoma e di assistente alla guida di funzionare stabilmente anche in condizioni meteorologiche avverse, dove la precisione di rilevamento dei sensori convenzionali tende a deteriorarsi in modo significativo.

Gli sforzi di ricerca e sviluppo continuano a concentrarsi sull’accuratezza del rilevamento dei sensori utilizzati nei sistemi di guida autonoma e di guida assistita. Questi sistemi si basano su vari tipi di sensori per confermare le posizioni, le velocità, le dimensioni e gli ostacoli nei percorsi dei veicoli. Questo ovviamente nei casi in cui i sistemi convenzionali che utilizzano tali sensori non funzionino bene in caso di nebbia densa o condizioni di pioggia intensa che riducano la permeabilità delle onde elettriche e laser e la visibilità della telecamera.

La nuova tecnologia di Mitsubishi seleziona e integra le informazioni da più sensori in base all’affidabilità delle informazioni. I dati ottenuti da vari sensori vengono analizzati in tempo reale per prevedere l’affidabilità delle informazioni di ciascun sensore influenzate dalle condizioni meteorologiche, in base alle rispettive caratteristiche. Selezionando e integrando informazioni determinate per essere altamente affidabili, è possibile rilevare con elevata accuratezza anche in condizioni meteorologiche avverse.

La tecnologia di Mitsubishi è stata implementata con un sistema autonomo di frenata di emergenza (AEB) nei test per verificare le prestazioni di veicoli reali in condizioni meteorologiche avverse e il sistema AEB è stato confermato per ottenere una frenata di emergenza sicura anche in condizioni in cui i sensori normalmente non funzionano bene. Andando avanti, la società eseguirà test di valutazione in ambienti reali e continuerà lo sviluppo della tecnologia con l’obiettivo di commercializzazione dal 2023 in poi. L’azienda si aspetta un’applicazione futura di questa tecnologia in veicoli autonomi per cambi di corsia sicuri e precisi anche in condizioni meteorologiche avverse.

NotizieAuto.it fa parte del nuovo servizio Google News, selezionaci tra i preferiti cliccando in alto la stellina Clicca Qui!
Looks like you have blocked notifications!