Questo sito fa parte di NotizieOra network

MotoGPMotorsport

MotoGP: il campionato potrebbe iniziare in Spagna a fine luglio

La MotoGP potrebbe iniziare con due GP a Jerez a fine luglio secondo quanto comunicato dalla Dorna

MotoGP

La MotoGP, insieme al governo regionale dell’Andalusia e al consiglio comunale di Jerez, intende presentare una proposta al governo spagnolo per iniziare la stagione 2020 con due gare a Jerez, che si terranno nei fine settimana consecutivi, a fine luglio. Il primo si terrà il 17-19 luglio, con squadre e piloti delle varie classi che rimarranno al loro posto per un evento di follow-up dal 24 al 26 luglio. Un round WorldSBK è quindi programmato per il fine settimana successivo (31 luglio-2 agosto).

 La MotoGP potrebbe iniziare con due GP a Jerez a fine luglio

I piani sono stati concordati durante un incontro virtuale che ha coinvolto il governo andaluso, il sindaco di Jerez e il CEO di Dorna Carmelo Ezpeleta. Dipenderà ancora dalle restrizioni di blocco spagnole che continueranno a diminuire nei prossimi due mesi e mezzo, ma tutte le parti sono fiduciose che gli eventi possano andare avanti.

“Una volta ottenuta l’autorizzazione del governo spagnolo, i tre eventi saranno proposti alla FIM per l’inclusione nei rispettivi calendari”, ha dichiarato in un comunicato ufficiale la MotoGP. “Il primo evento della MotoGP dunque diventerebbe il Grand Prix di Spagna, diventando l’apri della stagione per la classe regina, mentre il secondo Gp sarebbe ribattezzato come Grand Prix dell’Andalusia”.

Entrambi saranno sicuramente eventi “a porte chiuse”, senza fan e solo personale essenziale del paddock presente, tutti soggetti a frequenti controlli per evitare che ci siano positivi al coronavirus. Tuttavia, non è ancora chiaro quali misure saranno necessarie per consentire ai membri del paddock al di fuori dell’UE di essere autorizzati ad entrare. Vedremo dunque se nei prossimi giorni la data di debutto del campionato sarà ufficialmente confermata.

Ti potrebbe interessare: Marc Márquez propone di congelare i contratti della MotoGP fino al 2021