Questo sito fa parte di NotizieOra network

MotoGPMotorsport

MotoGp: la Dorna si aspetta che i piloti si taglino lo stipendio

Il CEO di Dorna si augura che i piloti di MotoGP taglino il loro stipendio in questa fase di crisi

MotoGP

La crisi derivante dalla pandemia di COVID-19 ha paralizzato l’inizio della stagione di MotoGP 2020. Senza gare, le squadre hanno smesso di ricevere gran parte delle loro entrate e vivono in una situazione incerta che, per il momento, non è ben nota fino a quando durerà. Per questo motivo, Carmelo Ezpeleta, in qualità di CEO di Dorna, si aspetta che i piloti riducano i loro stipendi durante la crisi , compresi quelli che hanno firmato di recente il rinnovo del contratto, al fine di alleviare la tensione economica subita dai team in competizione in Coppa del Mondo.

Carmelo Ezpeleta, CEO di Dorna si augura che i piloti di MotoGP taglino il loro stipendio

In un’intervista su “Onda Cero”, Carmelo Ezpeleta ha spiegato al riguardo: ” Penso che tutti negozieranno al ribasso, non solo quei piloti che non hanno ancora rinnovato. I piloti possono già avere un contratto firmato, ma alla fine questi accordi vengono stipulati in una situazione considerata normale. In caso di forza maggiore la procedura è diversa e penso che ciò non dovrebbe costituire un problema. Tutti capiscono che è giusto ricevere i soldi che guadagni quando fai il tuo lavoro, ma quando sei a casa in una situazione come questa, le cose sono diverse. Spero che i piloti di MotoGP abbiano tagliato i loro salari durante questa crisi.

Anche la stessa organizzazione di Dorna ha adottato misure con un profilo simile, come ha chiarito Ezpeleta:  “Alla fine, Dorna ha contemplato una serie di misure, allo stesso modo delle squadre. Proprio come avranno raggiunto un accordo con i loro lavoratori, nel nostro caso abbiamo abbassato i nostri salari. Tutti noi, di comune accordo, abbiamo deciso di ridurre i salari fino a quando la situazione non tornerà alla normalità. Stiamo lavorando per avere un campionato a partire da agosto. Al termine della crisi, le persone saranno ansiose di assistere alle gare e dobbiamo offrire loro un prodotto adatto a questa esigenza. ”

Ti potrebbe interessare: MotoGP, Carlos Checa si chiede: Continuare ha senso per Valentino Rossi?

Related posts
MotoGPMotorsport

Fabio Quartararo non ha rivali e vince il GP andaluso della MotoGP

MotoGPMotorsport

Pol Espargarò: "La KTM è più lenta della Ducati solo nei rettilinei

MotoGPMotorsport

La MotoGP non gareggerà negli Stati Uniti nel 2020 per il coronavirus

MotoGPMotorsport

Andrea Dovizioso si frattura la clavicola e verrà operato immediatamente