noleggio
in

Noleggio auto lungo termine in calo: allungamento dei contratti

La previsione di Dataforce Italia per l’intero 2021: 260.000 immatricolazioni nel noleggio lungo, in calo dell’8% sul 2019

Un brutto quadrimestre in Italia per il noleggio auto lungo termine, ossia con le vetture date in affitto dalle società alle aziende e alle partite IVA per un periodo da uno a cinque anni. Come evidenzia Dataforce Italia di Salvatore Saladino, da gennaio ad aprile 2021 sono state immatricolate dalle società di noleggio 97.008 vetture, per una flessione del 3,48% dello stesso periodo del 2019. Il 2020, devastato dal Covid, neppure lo prendiamo in esame: state alla larga da chi fa paragoni assurdi parlando di miglioramenti.

Ma dove sta il peggio? Nel futuro. I soldi sono pochi, magari le banche non concedono linee di credito: le aziende e le partite IVA reagiscono come possono. Morale: nei prossimi mesi, è previsto un consolidamento della tendenza all’allungamento dei contratti in essere. Questo l’allarme di Saladino. 

noleggio

Previsione noleggio 2021: male

La previsione di Dataforce per l’intero 2021: 260.000 immatricolazioni, in calo dell’8% sul 2019. Il problema è che nel 2020 le vetture a noleggio lungo termine sono state usate poco. Così, si pensa a risparmiare. Diciamo grosso modo che se la durata è di 3 anni, adesso si avvicina a 4 anni.

In più, il fisco picchia come non mai. Siamo fra i più tartassati in Europa. Chiaro che aziende e partite IVA non vivano giorni sereni. 

Il tutto, in un settore straordinariamente importante per le elettriche: proprio il noleggio lungo termine è una grande prova per accedere alle macchine a batteria, assaggiarle, capirle. Il Governo avrebbe interesse a spingere il comparto, ma per ora arrivano segnali negativi: nel Piano Draghi presentato a Bruxelles, zero auto. Tantomeno per il noleggio.

Nel frattempo, continua il disastro di un altro settore che invece andrebbe spinto: il noleggio auto breve termine, ossia da un giorno a un mese. Ovvio: niente turisti, viaggi d’affari in netta diminuzione, e se ne pagano le conseguenze. I numeri: 36.495 nuove immatricolazioni, con una contrazione del 60,56% rispetto al 2019. La soluzione? Fra l’altro, rendere l’usato del noleggio breve più facilmente acquistabile dal pubblico, dice Massimiliano Archiapatti, presidente di Aniasa (Associazione autonoleggio).

Looks like you have blocked notifications!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *