in

Primo trimestre 2022: noleggio lungo termine privati boom

Dati Unrae (Unione Case estere) per il primo trimestre 2022: noleggio lungo termine privati boom. Consumatori con e senza partita IVA

noleggio lungo termine

Fra tante cattive notizie, eccone una buona. Dati Unrae (Unione Case estere) per il primo trimestre 2022: noleggio lungo termine privati boom. Consumatori senza partita IVA (talvolta con) che prendono l’auto in affitto per anni. Nel primo trimestre 2022 sono stati stipulati 135.113 contratti di nolo lungo di vetture (non confrontabili con le immatricolazioni dello stesso periodo), in leggero aumento rispetto ai 132.023 rilevati nel quarto trimestre 2021.

Sale il noleggio lungo termine privati

L’analisi indica un incremento, nel passaggio da un trimestre all’altro, di circa il 19% dei contratti destinati a utilizzatori privati, pari a 23.495 unità. La quota dei privati sale in tre mesi dal 15% al 17,4% del totale, mentre i contratti destinati a società ammontano a 111.618 e scendono dall’85% all’82,6% del totale.

Sono elaborazioni fornite dal direttore generale dell’Unrae, Andrea Cardinali, nel suo intervento all’evento Mobilityhub on Truck, tenutosi a Venezia il 7 e 8 aprile.

Gasolio superstar nel nolo

Con una quota del 36,5% la scelta preferita dai privati resta il diesel anche se in calo, mentre salgono al 22,4% i motori a benzina. Tanto pragmatismo.

Le elettriche (BEV) scontano l’attesa degli incentivi e riducono la quota dal 7,5% al 4,7%, mentre crescono lievemente le plug-in all’11,7% e mantengono una quota superiore al 19% le ibride.

Occhio: l’esclusione delle persone giuridiche dagli incentivi, e nello specifico del noleggio a lungo termine, rischia di soffocare un segmento di mercato molto promettente e orientato alle nuove motorizzazioni. Peccato.

Fra i privati i crossover occupano il primo posto (40,1%) e allungano la distanza dalle berline (35,9%), seguite al terzo posto dai fuoristrada (17,3%), anch’essi in ulteriore recupero di quota. Fra le società i modelli preferiti restano invece le berline, in calo al 31,7%, inseguite dai crossover in crescita al 30%.

Nella classifica in base alla penetrazione degli utilizzatori privati (che, lo ricordiamo, includono anche i privati con Partita IVA), i primi posti sono occupati dalle regioni meridionali anche nel primo trimestre 2022. Con il 40,4% la Calabria mantiene la quota più alta sul totale del mercato regionale, lasciando secondo e terzo posto a Puglia (34,4%) e Campania (32,4%).

La classifica in termini di volume di contratti complessivi (a privati e a società), vede invece la Lombardia al primo posto con il 34,1% dei 135.113 contratti registrati a livello nazionale nel primo trimestre 2022.

Looks like you have blocked notifications!
NotizieAuto.it fa parte del nuovo servizio Google News, selezionaci tra i preferiti cliccando in alto la stellina Clicca Qui!