Russell e Bottas
Russell e Bottas
in ,

Ralf Schumacher: ‘Bottas deve chiedersi perché stava combattendo con una Williams’

Ralf Schumacher ha lanciato una frecciata seria a Valtteri Bottas per la sua prestazione nel GP del Made in Italy e dell’Emilia Romagna F1 2021. L’ex pilota di Formula 1 spera che il finlandese alzi presto il livello, perché altrimenti potrebbe restare fuori dalla Mercedes. Bottas, dopo una qualifica disastrosa ad Imola, si è trovato travolto dal gruppo di mezzo mentre il suo compagno di squadra lottava per la vittoria… e finalmente la sua carriera si è conclusa prematuramente da un grave incidente con George Russell.

Il fatto che Valtteri – con una Mercedes – sia rimasto lontano da Hamilton e abbia combattuto contro Russell – che guida una Williams – per gli ultimi posti con diritto a punti è qualcosa che, secondo Ralf Schumacher, dovrebbe far dubitare del finlandese su certe cose. “In generale, ci si deve chiedere perché stava combattendo con una Williams nel gruppo centrale. Molte volte ha guidato a un livello simile a Hamilton, ma ora è a miglia di distanza da quello”, ha commentato Schumacher su Bottas, secondo Sky Germany.

“Alla Mercedes cercano di spiegarlo con la mancanza di aderenza sull’assale posteriore di Bottas – per me l’intero pacchetto Bottas manca di aderenza al momento. Deve esserci dell’altro, altrimenti finirà presto.”, Ha aggiunto. D’altronde anche il fratello di Michael Schumacher ha avuto il tempo di “frustare” Sebastian Vettel e ha ricordato che in passato in Formula 1 c’era meno pazienza.

Sebastian Vettel ha avuto tanti problemi. Guasto al freno, penalità di tempo, guasto al cambio … Quindi è difficile valutare la sua prestazione domenica. In qualche modo ci ricorda molto il suo ultimo anno alla Ferrari, ma ora la sua auto è verde”, ha aggiunto. “Sebastian deve recuperare il ritardo in una o due gare, recuperare il ritardo con il suo compagno di squadra e sorpassarlo. I piloti esperti che guidano per nuove squadre, come Vettel, Pérez o Ricciardo, non sono ancora in forma, non sono ancora in sintonia con la macchina”.

“I loro capi dicono che è una questione di tempo, ma questo tipo di pazienza non esisteva in passato. Certo, abbiamo fatto più test, ma se i risultati non fossero arrivati ​​rapidamente, ci hanno scartato”, ha detto Ralf Schumacher per concludere.

Looks like you have blocked notifications!