Motorsport

Sabine Schmitz, regina del Nurburgring, muore all’età di 51 anni

Sabine Schmitz

Sabine Schmitz, che combatteva il cancro dal 2017, purtroppo è morta oggi all’età di 51 anni. Conosciuta affettuosamente come la “Regina del Nurburgring”, Schmitz è cresciuta sulla famosa pista (la sua famiglia possiede un ristorante lì ) e divenne un abile pilota da corsa.

Nel 1996, è diventata la prima donna a ottenere una vittoria assoluta alla 24 Ore del Nurburgring al volante della leggendaria BMW M3 “Eifelblitz”. I suoi copiloti erano Johannes Scheid e Hans Widmann. Ha ripetuto quella vittoria l’anno successivo. Nel 1998, ha infranto l’ennesima barriera diventando la prima donna a diventare campionessa del campionato di endurance VLN.

Pochi anni dopo, lei e il suo futuro marito fondarono il team Frikadelli Racing. Oltre alla sua carriera agonistica professionale, Schmitz è stata autista di Ring Taxi per molti anni con circa 30.000 giri completati intorno al Nordschleife.

Schmitz in seguito ha guadagnato una fama ancora maggiore quando è stata presentata a un pubblico internazionale su Top Gear. Prima di diventare brevemente una delle co-conduttrici dello spettacolo nel 2016 , ha fatto diverse apparizioni e si è guadagnata immediatamente il rispetto di milioni di spettatori per le sue capacità di guida, conoscenza, senso dell’umorismo e arguzia. È stata anche presentatrice per DMAX e Sport 1.

Dopo la sua diagnosi del 2017 con una rara forma di cancro, Schmitz non solo inizò un trattamento immediato con chemioterapia e diverse operazioni, ma trovò la forza per continuare a correre, tornando nel 2019 al suo amato Nurburgring. Sfortunatamente, per quanto abbia combattuto, il cancro tornò più aggressivo che mai.

Sabine Schmitz ha combattuto la malattia per oltre tre anni nello stesso modo in cui ha gareggiato in pista, con passione, coraggio e feroce determinazione. Non avendo mai avuto paura di abbattere i confini, Schmitz non aveva intenzione di lasciare che il cancro prendesse il meglio di lei mentre era in vita. Ma alla fine, non tutte le battaglie possono essere vinte, sia dentro che fuori pista.

Ti potrebbe interessare: Formula 1: Nürburgring subentra a Hockenheim per entrare nel calendario 2020

Looks like you have blocked notifications!
Related posts
MotoGPMotorsport

Valentino Rossi conferma l'arrivo della sua squadra in MotoGP nel 2022

Formula 1Motorsport

Sainz, ottimista per Portimao: "Sono contento, ma vogliamo di più"

Formula 1Motorsport

Hamilton vuole continuare in F1

Formula 1Motorsport

La F1 conferma il ritorno del GP di Turchia in sostituzione della gara canadese