Carlos Sainz
Carlos Sainz
in

Sainz: ‘Il podio può arrivare in qualsiasi gara, Monaco compreso’

Carlos Sainz afferma che il primo podio per la Ferrari potrebbe arrivare a breve forse già a Montecarlo

Carlos Sainz vive questa settimana il suo primo Gran Premio di Monaco come pilota della Ferrari. Lo spagnolo ha condiviso il motivo per cui correre nel Principato è così speciale e ha ammesso che il podio è possibile in qualsiasi gara ricca di eventi, compreso questo fine settimana. La Ferrari arriva a Monaco questo fine settimana dopo essere stata quarta con Charles Leclerc in Spagna. Carlos Sainz è consapevole di aver fatto un passo avanti e di essere sull’orlo del podio.

“Penso che il podio possa arrivare in qualsiasi gara ricca di eventi. Monaco compreso. La mentalità è quella di andare alle gare pensando di poterle vincere”, ha detto Sainz a ‘El Transistor’, su Onda Cero. Carlos avverte che questo fine settimana si disputerà un GP unico e ricorda che per quanto Codemasters si sia preso la briga di perfezionare il suo videogioco, la F1 2021 non si avvicina all’indescrivibile sensazione di graffiare i muri di Monaco alla ricerca del giro perfetto, la sua missione questo fine settimana.

La sensazione di guidare una Formula 1 a Monaco ha un impatto. Il gioco è bello per divertirsi, ma nella vita reale è tutta un’altra cosa. Guardi le gomme dopo un giro di qualifica e sono tutte segnate per aver sfiorato il muro. Andare veloce devi avere la sicurezza di radere i muri “, ha evidenziato. “Monaco è diverso, è un Gran Premio unico. Anche la macchina è diversa, abbiamo una direzione diversa, è una gara molto speciale, è un circuito molto diverso ma penso che ce ne siano altri come Baku che sono più complicati, ” Egli ha detto.

“Monaco ha tutto. Al tornante andiamo a 60 chilometri orari, ma poi nel tunnel arriviamo a 290 chilometri orari. Nella zona della piscina tra le mura andiamo a 220 chilometri orari. La mia prima gara lì è stata in kart nel 2008 e sono riuscito a vincere con il numero 5 che è il mio preferito “, ha ricordato. Un’altra delle peculiarità del Monaco è il suo programma: l’allenamento si tiene il giovedì, il che lascia il venerdì come una giornata noiosa, secondo Sainz.

“Venerdì a Monaco è una giornata strana, è noiosa. Ci mettono addosso eventi di ogni genere. Vediamo se mi ascoltano alla Ferrari e venerdì siamo con gli ingegneri a guardare la macchina “, ha detto. Carlos sottolinea la sua buona integrazione nel team dopo le prime quattro gare e condivide che stanno già lavorando al 2022 mentre continua a migliorare. “Sono molto contento, sono entrato a far parte del team molto velocemente. Stiamo lavorando molto duramente anche per il prossimo anno. Le prime quattro gare sono andate bene, non sono al livello che vorrei ma mi sto avvicinando”, ha detto.

“Gli italiani hanno una passione per la Ferrari che è paragonabile a quella che proviamo noi quando la Spagna gioca un Mondiale. Rappresenti un paese ed è una sensazione difficile da descrivere e penso di avere molta strada da fare come pilota Ferrari”, ha detto.

Alla fine, Carlos confessa che uno dei suoi sogni sarebbe quello di lasciare la sua Ferrari a suo padre e fargliela provare su un circuito, sicuramente uno spettacolo per qualsiasi appassionato di motori. ” Uno dei miei sogni sarebbe quello di far provare a mio padre la mia macchina di Formula 1. E dirgli una serie di trucchi, consigli per adattarsi e vedere come alla fine è migliorato, ci penso molto”, ha concluso Sainz.

Looks like you have blocked notifications!