in

Sainz non si è mai sentito a suo agio durante il Gran Premio d’Italia

Nemmeno per un momento Carlos Sainz si è sentito a suo agio a Monza

Carlos Sainz - Ferrari
Carlos Sainz

Carlos Sainz afferma di non essersi sentito per niente a suo agio con la sua Ferrari a Monza, dicendo che il retrotreno della SF21 è un punto debole per lui. Guardando solo le statistiche, sembrerebbe che Sainz abbia avuto un inizio di vita fantastico in Ferrari, già con 97,5 punti in classifica e due podi. Ma in realtà non è stata una corsa tranquilla, con Sainz che ha subito diversi incidenti ad alta velocità e costosi non forzati. L’ultima è arrivata al Gran Premio d’Italia durante le FP2.

Anche il round precedente a Zandvoort ha visto un pesante shunt in prova e alla fine del fine settimana abbiamo visto una rara versione abbattuta di Sainz mentre diceva di non essersi mai sentito così lento in una gara prima. A Monza è riuscito a finire al sesto posto, ma era ancora tutt’altro che soddisfatto, sostenendo di non sentirsi a proprio agio con la sua macchina durante la gara.

“Penso che il fine settimana alla fine l’abbiamo più o meno salvato, ma è stato un weekend molto difficile”, ha detto Sainz. “In gara non mi sentivo a mio agio in nessun momento, scivolando molto dal posteriore e degradando molto le gomme posteriori. Non è la prima volta che la macchina parte da dietro e ho perso un po’ di confidenza.”

“E’ chiaro che è un punto debole che devo migliorare, devo imparare da esso e vedere come posso mimetizzarlo un po’ con il set up e adattarmi ad esso. Quando togli un po’ di carico aerodinamico dalla macchina come abbiamo fatto qui, la macchina è più difficile di quanto mi aspettassi e devo imparare da quello, adattarmi e vedere come posso migliorare”.

Una volta che Max Verstappen e Lewis Hamilton si sono eliminati a vicenda dalla gara, si è aperta un’opportunità d’oro per la Ferrari di consegnare un podio sul terreno di casa davanti ai tifosi. Purtroppo né Sainz né Charles Leclerc hanno avuto il ritmo per impressionare la McLaren, che si è assicurata una doppietta mentre Daniel Ricciardo ha conquistato la vittoria.

Anche Valtteri Bottas si è dimostrato fuori portata, così come Sergio Perez, anche se una penalità di cinque secondi lo ha riportato al quinto posto della classifica, portando Leclerc al quarto posto. “Ogni volta che litigavamo, la nostra velocità massima non era la migliore per difenderci”, ha spiegato Sainz.

“Avevamo il podio vicino. L’abbiamo visto, mancavano sempre due o tre secondi, ma in nessun momento mi sono sentito in grado di provarci, né avevo la velocità massima o la velocità in macchina per attaccare. Quindi mi fa un po’ rabbia, ma è quello che è. Questo weekend non è andato come avrei voluto”.

Ti potrebbe interessare: Sainz e l’incidente Hamilton-Verstappen: “Si poteva evitare”

Looks like you have blocked notifications!
NotizieAuto.it fa parte del nuovo servizio Google News, selezionaci tra i preferiti cliccando in alto la stellina Clicca Qui!