toyota
in

Toyota e altri sponsor si interrogano: Olimpiadi di Tokyo da sostenere?

Ci sono stati casi di positività all’interno del villaggio olimpico. Da registrare il crescente malumore tra i cittadini giapponesi.

Sostenere o no le Olimpiadi di Tokyo con tutte le forze e le risorse? Questo il dilemma di Toyota e altri sponsor. Infatti, la pandemia di Covid è un gravissimo problema per la manifestazione nipponica: il dubbio è che, anche sotto il profilo dell’immagine, non ci sia il ritorno atteso.

I Giochi della ventitreesima Olimpiade, noti come Tokyo 2020, si sarebbero dovuti tenere a Tokyo dal 24 luglio al 9 agosto 2020. Ma poi, a causa della pandemia, le date sono state posticipate dal 23 luglio all’8 agosto 2021.

Ci sono stati casi di positività all’interno del villaggio olimpico. Da registrare il crescente malumore tra i cittadini giapponesi. Così, Toyota e altre aziende che sponsorizzano i Giochi potrebbero non vedere bene il proprio marchio troppo associato alle Olimpiadi, se queste divenissero un evento potenzialmente negativo. 

Il capo della comunicazione dell’azienda giapponese, Jun Nagata, ha spiegato che erano stati prodotti una serie di filmati contenenti diversi messaggi coi principali atleti sportivi. E ora? Qualcosa è cambiato. Nagata ha comunque aggiunto che Toyota continuerà a sostenere tutti gli sportivi coinvolti nei Giochi e che fornirà regolarmente le proprie vetture ecologiche durante l’organizzazione della manifestazione.

Per Toyota, situazione da monitorare, visto anche come si è esposta contro l’elettrico: è a favore dell’ibrido, e la propria immagine va tutelata.

Le Olimpiadi restano a rischio

Le grandi aziende a cercare di dissociarsi da Giochi sempre più impopolari, visti con favore solo dal 33% dell’opinione pubblica nipponica, secondo l’ultimo sondaggio di Asahi Simbun.

NotizieAuto.it fa parte del nuovo servizio Google News, selezionaci tra i preferiti cliccando in alto la stellina Clicca Qui!

Il capo del comitato organizzatore di Tokyo 2020, Toshiro Muto, non ha escluso alcuno scenario nel caso di un’esplosione dei contagi di Covid nel villaggio olimpico, neppure una cancellazione dell’evento all’ultimo momento: “Non possiamo prevedere cosa accadrà in termini di contagi. Potrebbero sia aumentare che diminuire e penseremo a cosa fare quando si presenterà il problema. Continueremo a discuterne se ci sarà un aumento dei casi. Sulla base dell’andamento della pandemia, si vedrà il da farsi.

Looks like you have blocked notifications!