in

Toyota potrebbe lasciare il Regno Unito sotto Brexit senza accordo

La casa giapponese avverte che in caso di Brexit senza accordo potrebbe dire addio al Regno Unito

Toyota
toyota

Il CEO di Toyota Europe ha avvertito che l’azienda potrebbe terminare la produzione in Gran Bretagna entro il 2023 se il paese uscisse dall’Unione Europea senza un accordo. Lo ha rivelato il quotidiano Nikkei giovedì 7 marzo. Parlando al Salone di Ginevra, Johan van Zyl ha dichiarato ai giornalisti che “se l’ambiente aziendale diventa molto, molto difficile da gestire”, un ritiro “potrebbe essere all’ordine del giorno”, ha detto il Nikkei. Ha anche sollevato altre possibilità meno drastiche, tra cui ridimensionamento della produzione o degli investimenti, ha detto il quotidiano. Un portavoce della Toyota ha confermato i commenti di van Zyl.

“Nello scambio di domande e risposte con i giornalisti giapponesi, ha risposto a una domanda sul possibile ritiro futuro dagli affari nel Regno Unito, dicendo che è” un’opzione “, in termini generali”, ha detto il portavoce. “Ovviamente dobbiamo competere e l’ambiente aziendale è importante”, ha aggiunto il portavoce. Ma ha sottolineato che la posizione di Toyota sulla Brexit è rimasta invariata, vale a dire “che un atterraggio difficile non è auspicabile”.

“Ma non sappiamo cosa accadrà e non è stato ancora deciso nulla”, ha detto. La data riportata 2023 è correlata al ciclo di produzione dell’azienda. La Gran Bretagna lascerà l’Unione europea il 29 marzo, ma nei mesi di negoziati per un accordo per governare i legami post Brexit è finora fallito. Il parlamento britannico voterà la prossima settimana su una versione finale di un accordo di uscita proposto. Ma se i parlamentari lo respingono nuovamente, voteranno se lasciare senza alcun accordo o ritardare la Brexit.

Toyota impiega più di 3.000 persone nei suoi due stabilimenti in Gran Bretagna, che includono una fabbrica di produzione di motori in Galles. Il mese scorso, anche Honda ha annunciato che avrebbe chiuso un importante impianto in Gran Bretagna, mettendo a rischio 3.500 posti di lavoro e diventando l’ultima azienda giapponese a ridimensionare le operazioni con la Brexit che incombe.

 

Looks like you have blocked notifications!
NotizieAuto.it fa parte del nuovo servizio Google News, selezionaci tra i preferiti cliccando in alto la stellina Clicca Qui!