in

Un supercomputer consente a Falken di sviluppare pneumatici più duraturi

Sumitomo è diventata uno dei primi utenti del settore industriale ad accedere al supercomputer Fugaku “exascale”

fugaku supercomputer
fugaku supercomputer

La società madre di Falken, Sumitomo Rubber Industries, Ltd. (SRI) è diventata uno dei primi utenti del settore industriale ad accedere al computer più potente del mondo, il nuovo supercomputer Fugaku “exascale”. SRI sta utilizzando questo computer ad alte prestazioni per espandere le sue capacità di simulazione dei materiali al livello di particelle più piccole, che sta supportando lo sviluppo di pneumatici per veicoli di lunga durata necessari per la mobilità futura.

Gli ingegneri di pneumatici di SRI e Falken hanno precedentemente utilizzato il supercomputer K giapponese per lanciare il suo processo di progettazione 4D NANO che ha portato a un cambiamento radicale nelle prestazioni della gamma di pneumatici Falken, risultando in un elenco in continua crescita di riconoscimenti e montaggi OE. Il potente supercomputer Fugaku, che ha fino a 100 volte le prestazioni applicative del suo predecessore ed è in grado di eseguire circa 442 quadrilioni di calcoli al secondo, porterà ulteriori progressi. Sosterrà il progresso chimico necessario per “pneumatici intelligenti” efficienti e durevoli di prossima generazione, sviluppati in risposta alle mutevoli esigenze di cui i veicoli connessi, autonomi ed elettrificati devono contribuire alla società della mobilità del futuro.

Un’applicazione chiave di Fugaku sarà quella di far progredire la Performance Susancing Technology (PST). Il PST previene il calo delle prestazioni del pneumatico che si verifica nel tempo a causa dell’usura, consentendo così ai pneumatici di mantenere prestazioni buone più a lungo. Una delle principali sfide nello sviluppo di questa tecnologia è che richiede una comprensione precisa dei cambiamenti chimici che si verificano all’interno della gomma a livello molecolare durante l’utilizzo dei pneumatici, in modo che questi cambiamenti chimici possano essere controllati. Con il supercomputer Fugaku, SRI e Falken stanno lavorando per far avanzare ulteriormente la tecnologia di simulazione dei materiali in gomma per simulare con precisione non solo il comportamento molecolare, ma anche i cambiamenti chimici effettivi.

“Guardando al prossimo futuro, il ruolo degli pneumatici cambierà. Con più autonomia e connettività, i pneumatici saranno più intelligenti, rispondendo agli scenari, cambiando le condizioni con meno input da parte del conducente “, afferma il dott. Bernd Löwenhaupt, amministratore delegato di Sumitomo Rubber Europe. “Dovranno anche funzionare per una durata di vita più lunga. Fugaku ci fornisce uno strumento fondamentale per fornire questi attributi e continuare a essere leader nella tecnologia avanzata della gomma “.

L’accesso al supercomputer e alle sue 158.976 unità di elaborazione centrale (CPU) è stato fino ad ora riservato alla ricerca scientifica, incluso l’esame dell’effetto delle maschere sulla diffusione del coronavirus SARS-CoV-2. Da marzo 2021, SRI sarà uno dei primi utenti aziendali della macchina, che prende il nome dal Monte Fuji. Le sue prestazioni superano le prestazioni combinate dei prossimi quattro supercomputer nell’elenco dei primi 500.

Ti potrebbe interessare: Nel 2050, gli pneumatici Michelin saranno sostenibili al 100%

Looks like you have blocked notifications!
NotizieAuto.it fa parte del nuovo servizio Google News, selezionaci tra i preferiti cliccando in alto la stellina Clicca Qui!