Questo sito fa parte di NotizieOra network

MotoGPMotorsport

Vinales: una scelta difficile tra Ducati e Yamaha

Maverick Vinales ha ammesso di aver affrontato una scelta ‘difficile’ tra il rimanere in Yamaha o passare alla Ducati per la stagione 2021 della MotoGP

Maverick Vinales

Maverick Vinales ha ammesso di aver affrontato una scelta ‘difficile’ tra il rimanere in Yamaha o passare alla Ducati per la stagione 2021 della MotoGP. Lo spagnolo alla fine ha optato per rimanere su una M1, credendo che farlo gli avrebbe dato le migliori possibilità di vincere finalmente il campionato del mondo. “Ho un ottimo rapporto con il team manager Ducati Davide Tardozzi, è stato difficile scegliere tra Ducati e Yamaha”, ha dichiarato Vinales a SkySport.it.

Maverick Vinales ha ammesso di aver affrontato una scelta ‘difficile’ tra il rimanere in Yamaha o passare alla Ducati per la stagione 2021 della MotoGP

“Alla fine, tuttavia, ho scelto la Yamaha perché voglio provare a vincere il titolo, non so se avrei avuto l’opportunità di farlo fuori dalla Yamaha. Penso che il mio stile di guida andrebbe bene per la Ducati, che è molto potente. È una moto bellissima, anche grazie alla sua aerodinamica. Ma anche la nostra Yamaha è molto bella. Il futuro? Chissà, forse potrei tornare alla Suzuki, ma per ora sto solo pensando di vincere in Yamaha.”

Vinales ha vinto sei gare durante le sue tre stagioni fino ad oggi con la Yamaha, raggiungendo così un picco con il  terzo assoluto (2017 e 2019) nell’inseguimento del titolo. Accanto alle modifiche apportate al proprio team nel garage del team, anche un rejig della gestione e della struttura delle corse Yamaha ha iniziato a dare i suoi frutti durante la seconda metà della scorsa stagione. La fabbrica ha quindi continuato il suo slancio durante l’inverno, con Vinales più veloce alla fine dei test pre-stagionali.

“La Yamaha è entrata in crisi con il cambio di pneumatici [nel 2016], ma ora stiamo lavorando molto sulla coerenza della moto, anche i tecnici giapponesi hanno fatto un ottimo lavoro e la nostra bici oggi è molto più competitiva rispetto al passato “, ha spiegato Vinales.

“Mi piace questa Yamaha e mi piace questa squadra con Esteban Garcia. L’anno scorso ho avuto diversi problemi. Ho principalmente cercato di migliorare la partenza in quanto è importante rimanere vicino al fronte dopo prime curve: stiamo facendo progressi e con la nuova Yamaha saremo in grado di fare molto bene “.

Ma raggiungere il suo sogno di campionato significherà che Vinales e Yamaha dovranno sconfiggere la formidabile combinazione Marc Marquez- Honda, che ha vinto sei degli ultimi sette titoli della MotoGP. “Tutta la squadra deve essere al 100% per battere Marquez, cercare di batterlo è il mio obiettivo, ma per farlo dobbiamo dare il massimo in garage”, ha detto Vinales.

“La Honda è in difficoltà? Hanno una moto molto buona, la Honda del 2019 è stata abbastanza buona da lottare per la vittoria in ogni gara. Se hanno problemi con la Honda del 2020, basterebbe tornare alla moto del 2019. “Marc Marquez è l’uomo da battere, ma Rossi ha la mia moto, quindi devo batterlo anche io. Poi c’è Dovizioso, anche lui è molto difficile da battere.” Questa stagione, quando e dove inizia, sarà l’ultima per Vinales e Valentino Rossi come compagni di squadra con Fabio Quartararo che sostituirà la leggenda italiana il prossimo anno.

“La mia relazione con Quartararo è molto buona, dal primo momento in cui è entrato in Yamaha”, ha dichiarato Vinales. “Fabio è molto forte, soprattutto nelle qualifiche, sa sfruttare tutto il potenziale della Yamaha. Questo è molto positivo anche per me, perché il prossimo anno sarà il nostro insieme. Da un lato sono felice che Fabio e io lavoreremo insieme nel 2021, ma dall’altro sono incazzato perché avere Rossi nella stessa squadra è sempre stato molto bello, mi dispiace perdere Valentino Rossi.”

Ti potrebbe interessare: MotoGP: la Dorna congela ogni sviluppo fino alla fine della stagione 2021

Related posts
MotoGPMotorsport

Fabio Quartararo non ha rivali e vince il GP andaluso della MotoGP

MotoGPMotorsport

Pol Espargarò: "La KTM è più lenta della Ducati solo nei rettilinei

MotoGPMotorsport

La MotoGP non gareggerà negli Stati Uniti nel 2020 per il coronavirus

MotoGPMotorsport

Andrea Dovizioso si frattura la clavicola e verrà operato immediatamente