in

Wolff: “Il ritiro di Hamilton sarebbe un atto di accusa della F1”

Toto Wolff spera di rivedere il pilota britannico nella massima categoria

Lewis Hamilton e Toto Wolff

Qualunque siano i diritti e i torti di Abu Dhabi, quell’alone di mistero che circonda il futuro di Lewis Hamilton nello sport sta rapidamente diventando un po’ noioso. Il totale silenzio del britannico, dal momento in cui ha tagliato il traguardo a Yas Marina, ha permesso ai media di scatenare una rivolta, con alcuni dei titoli recenti, in particolare quelli dei media britannici che raramente coprono lo sport, ben oltre l’assurdità e al limite della follia. Con l’indagine sugli eventi di quegli ultimi giri da indagare e la decisione che non dovrebbe essere annunciata fino alla vigilia dell’apertura della stagione in Bahrain, è probabile che la speculazione continui mentre allo stesso tempo diventa sempre più isterica.

Sebbene sia un’ottima notizia per artisti del calibro di Liberty Media e Netflix, ma di fatto sta si inizia a danneggiare lo sport. Ad alimentare il fuoco c’è il boss della Mercedes, che pubblica commenti su media selezionati, chiaramente con l’intenzione di giocare sulla passione dei fan e sulle paure di emittenti e sponsor.

Sebbene Liberty si crogiolerà nella pubblicità che l’intera faccenda sta generando, avrà anche paura che Hamilton possa abbandonare lo sport da un momento all’altro. Liberty è ben consapevole che dell’attuale griglia, forse nell’intera storia di questo sport, Hamilton è l’unico pilota riconosciuto ben oltre la pista, e sebbene ci siano piloti con una personalità molto più estroversa, attualmente è il pilota dello sport disegno principale.

Il futuro di Lewis Hamilton? Intervista a Toto Wolff

In un momento in cui si pensa che Liberty stia cercando di vendere lo sport – una mossa strana considerando tutti i discorsi sui “tempi del boom” – non può permettersi di perdere la sua stella. Parlando con il Team Principal della Mercedes, Wolff avverte che se Hamilton se ne andasse sarebbe un atto d’accusa per ciò che lo sport è diventato.

Spero davvero che lo rivedremo“, dice l’austriaco, secondo F1i.com. “Lui è la parte più importante del nostro sport. Sarebbe un atto d’accusa per tutta la Formula 1 se il miglior pilota decidesse di mollare a causa di decisioni oltraggiose. Non importa quale ostacolo sia stato messo sulla sua strada, ha saputo per tutta la vita che deve parlare in pista“, aggiunge. “Ma è incredibilmente difficile per lui finché non trova un modo tra avere ragione e torto. Ci vuole solo tempo“.

Alla domanda su quando è probabile che si siederà con il britannico, l’austriaco risponde: “Al più tardi a febbraio, e certamente non per bere tequila, ne ho avuto abbastanza ad Abu Dhabi“. Ammettendo che gli eventi di Yas Marina “non saranno mai dimenticati“, Wolff aggiunge: “Perché quello che è successo a Lewis era semplicemente sbagliato”.

Quel giorno era imbattibile, fino a quando gli steward hanno acceso la miccia e hanno deciso di infrangere 3 regole. È difficile da capire“, continua. “Rimarrà sempre con noi, anche se Max Verstappen è un degno campione del mondo nel corso della stagione. Ma quel giorno uno era migliore dell’altro e non ha vinto”.

 

Looks like you have blocked notifications!
NotizieAuto.it fa parte del nuovo servizio Google News, selezionaci tra i preferiti cliccando in alto la stellina Clicca Qui!