Fisker Pear Fisker Pear

Fisker Pear: il suv elettrico che sorprende con 515 km di autonomia e un prezzo accessibile

La Fisker Pear coglie tutti di sorpresa: invece di una citycar, la carrozzeria è quella di un crossover a trazione 100 per cento elettrica.

L’IAA Mobility di Monaco, meglio noto come Salone di Monaco, vedrà anche un suv a stelle e strisce tra i nuovi modelli in esposizione. È la Fisker Pear, una vettura che, a dispetto delle prime dichiarazioni secondo cui si sarebbe trattato di una citycar a batteria, è in realtà un crossover urbano di segmento C. Con i suoi 455 cm di lunghezza sfiora i 464 cm della sorella Ocean, il primo storico esemplare del Costruttore.

Fisker Pear: 35 per cento di componenti in meno per un prezzo quasi da utilitaria

Fisker Pear

Tra le frecce al proprio arco, la new entry, mostrata lo scorso 3 agosto, ha ben due bagagli, di cui uno, il cosiddetto “froot” all’anteriore per gli oggetti piccoli, e uno al posteriore, soprannominato “baule di Houdini”. Quest’ultimo promette di semplificare notevolmente i viaggi degli occupanti, con parte delle porte destinato ad “affondare” nel resto della carrozzeria. Ciò avrà delle ripercussioni positive nelle manovre di parcheggio, semplificando le operazioni qualora si lasci la macchina vicino a un muro o a un’altra vettura.

L’abitacolo, privo di elementi fragili, vanta un’eccezionale resistenza. Che si sposa all’eccezionale comfort di bordo, suggellato dalla modalità Lounge. Una volta impostata, i sedili si reclinano in modo da creare un vero e proprio salotto, dove riposare o gustarsi contenuti multimediali sullo schermo rotante da 17,1 pollici. Da 0 a 100 km/h la Fisker Pear è in grado di passare in 6,3 secondi. E andrà ancora meglio con la variante Extreme, la cui uscita avverrà più avanti.

Il battery pack sarà disponibile in due tipi, da 290 e 515 km nella variante Long Range. Il listino prezzi parte da 29.900 euro, circa 26 mila euro al cambio attuale, dato il minor numero di componenti, ridotto di ben il 35 per cento. Gli esemplari lasceranno la catena di montaggio dello stabilimento sito in Ohio. Per quanto riguarda l’uscita in commercio, il Costruttore ha deciso di slittare lo sbarco dal 2024 alla prima metà del 2025.

NotizieAuto.it fa parte del nuovo servizio Google News, selezionaci tra i preferiti cliccando in alto la stellina Clicca Qui!