Ferrari 499P 24 Ore di Le Mans Ferrari 499P 24 Ore di Le Mans

La Ferrari vince a Le Mans: storico successo alla 24 Ore

Trionfo rosso alla 24 Ore di Le Mans 2023. La Ferrari 499P vince al debutto nella mitica sfida della Sarthe, riscrivendo il nome della casa di Maranello nell’albo d’oro della più prestigiosa gara endurance del pianeta. L’Hypercar numero 51 del “cavallino rampante” ha tagliato per prima la linea del traguardo. Ad alternarsi al volante ci hanno pensato Alessandro Pier Guidi, James Calado e Antonio Giovanazzi. Dietro la “rossa” sono giunte una Toyota e due Cadillac.

Per la Ferrari si tratta di un risultato storico, che riallaccia i fili con la storia più nobile del marchio. L’ultima vittoria assoluta di un’auto emiliana risaliva al 1965, quando gli onori della gloria toccarono alla 250 LM condotta da Jochen Rindt e Masten Gregory. A rendere ancora più prezioso il risultato ci pensa il fatto che questo successo sia maturato in occasione della centesima edizione della 24 Ore di Le Mans.

Poteva andare ancora meglio se Antonio Fuoco, Miguel Molina e Nicklas Nielsen, con la 499P numero 50, non avessero accusato un problema alla loro auto nel corso della notte, che li ha costretti ad accontentarsi del quinto posto finale, dopo la magnifica pole guadagnata nelle qualifiche, a 50 anni da quella del 1973, ottenuta da una 312 PB. Ricordiamo che la casa di Maranello mancava da mezzo secolo dalla top class.

Quella ottenuta oggi è la decima vittoria Ferrari alla 24 Ore di Le Mans, dopo i sigilli del 1949, 1954, 1958, 1960, 1961, 1962, 1963, 1964 e 1965. Il numero complessivo di successi sale così a 39, includendo i 29 di classe messi in bacheca nella storia delle “rosse” sulla Sarthe. Con la 499P, la casa del “cavallino rampante” è rientrata nella classe regina del FIA World Endurance Championship, tornando così sul palcoscenico più importante delle corse di durata.

La vettura progettata per il FIA WEC gode della spinta di un motore 6 cilindri biturbo da 2995 centimetri cubi di cilindrata, derivato da quello della 296 GTB e abbinato a un cuore elettrico, per una potenza alle ruote di 500 kW (680 cavalli), in linea coi dettami normativi dell’endurance. La trazione è integrale, come da regolamento per la classe Le Mans Hypercar, che fissa anche un peso minimo non inferiore a 1.030 chilogrammi. Sublime l’efficienza della “rossa” che ha riportato il marchio Ferrari nell’Olimpo dell’endurance. Chapeau!

Foto | Ferrari

NotizieAuto.it fa parte del nuovo servizio Google News, selezionaci tra i preferiti cliccando in alto la stellina Clicca Qui!