Renault Twingo: Sabine Marcelis la reinterpreta per i 30 anni

Renault Twingo

La Renault Twingo è una piccola utilitaria che ha guadagnato uno spazio nell’immaginario collettivo. Il merito è della prima delle tre serie in cui il modello ha preso forma a partire dal 1993. Quest’anno si festeggia il suo 30° anniversario.

Nell’ambito dei festeggiamenti per l’importante ricorrenza anagrafica, la casa francese si è rivolta a Sabine Mercelis, designer e artista contemporanea di fama internazionale, per reinventare l’iconico modello, con un’interpretazione artistica che ne cogliesse lo spirito. Il risultato convince in pieno, perché coniuga il doveroso rispetto dei lineamenti dell’auto con felici slanci creativi.

Non c’erano dubbi sulla buona riuscita dell’impresa, perché qui stiamo parlando di una che conosce bene il mestiere. Le sue installazioni artistiche hanno conquistato il pubblico internazionale. In tempi recenti, Sabine ha vinto la più fresca edizione dell’ELLE DECO International Designer of the Year Award. Non è la prima volta che Renault si affida a degli artisti per collegarli alle sue vetture. In precedenza era toccato a Mathieu Lehanneur e Pierre Gonalons. Ora è il turno di una donna, di sublime estro.

La designer olandese è nota per le opere dalle forme essenziali ed eleganti e per la sua particolare affinità con la luce e con l’uso dei materiali. Con la Renault Twingo, l’emblematica silhouette è stata preservata, ma con giochi di trasparenza e interazioni fra colori e materiali frutto di un lavoro meticoloso. A voi il giudizio su questo ripensamento creativo del modello, testimonianza del valore della libertà artistica.

Ecco le parole della Marcelis: “Lavorare con un’auto tanto emblematica e popolare è stata una vera e propria sfida, soprattutto tenendo conto della portata del progetto. Mi ha dato l’opportunità di creare qualcosa di veramente innovativo e memorabile”. Il suo approccio innovativo svela sotto una luce completamente nuova la Renault Twingo prima serie. Questa concept-car, unica e inattesa, è il punto di incontro tra la simpatica utilitaria francese e la visione artistica della designer, che offre una raffinata reinterpretazione del modello.