bizzarrini-giotto bizzarrini-giotto

Bizzarrini Giotto mostra la carrozzeria e il V12 della nuova Hyper GT

Bizzarrini Giotto svela nuove immagini della sua carrozzeria e alcuni dettagli sul motore che verrà utilizzato.

Firmata da Giorgetto Giugiaro e da suo figlio Fabrizio, la nuova Bizzarrini Giotto continua ad attirare la curiosità di una nicchia di estimatori che potrebbe estendersi rapidamente nel corso dei prossimi mesi.

Il leggendario designer italiano ha infatti lavorato sulla Bizzarrini 5300 GT ai tempi della Bertone e gli è stata poi data l’opportunità di disegnare un successore spirituale che è stata definita come una Hyper GT… non certo per caso: le nuove immagini appena rilasciate danno infatti un’immagine piuttosto precisa di quel che sarà la prossima Giotto, accompagnata per altro da alcuni interessanti dettagli sul potente motore V12 di cui sarà dotata.

Il motore aspirato avrà di fatti una cilindrata di 6626 cc, scelta appositamente per ricordare la data di nascita di Giotto Bizzarrini, il 6 giugno 1926. Il famoso ingegnere, scomparso all’inizio di quest’anno, era noto per essere stato coinvolto in modo diretto nello sviluppo del V12 originale della Lamborghini e di alcune auto iconiche come la Ferrari 250 GTO.

bizzarrini-giotto

Le caratteristiche della nuova Bizzarrini Giotto

La nuova Giotto utilizza dunque un V12 sviluppato in collaborazione con Cosworth ed è stata progettata per soddisfare le attuali normative sulle emissioni, nonostante sia dotata di un motore di grossa cilindrata considerato in via di estinzione. Ulteriori specifiche tecniche non sono ancora state rese note, ma è cosa nota che la potenza sarà convogliata alle ruote attraverso un cambio automatico a doppia frizione a otto rapporti.

Per quanto riguarda il design, la Giotto è molto più di una silhouette attraente, considerato che la carrozzeria è stata meticolosamente realizzata per ottimizzare l’aerodinamica. A tal fine, sono presenti uno splitter anteriore e un diffusore posteriore a diedro di derivazione F1, oltre a richiami visivi ai primi modelli Bizzarrini. Tra questi, rilevano le doppie prese d’aria sul cofano, il montante B triangolare e il parabrezza posteriore avvolgente.

bizzarrini-giotto

Ricordiamo che non ci sono date precise per il varo dell’auto, ma l’azienda non ha mai smentito un piano che prevede di iniziare i test su strade pubbliche verso la fine del 2024.

La Bizzarrini si sta tenendo occupata non solo con la Giotto, ma anche con la 5300 GT Corsa Revival, le cui consegne sono iniziate per circa 2 milioni di dollari l’una.

NotizieAuto.it fa parte del nuovo servizio Google News, selezionaci tra i preferiti cliccando in alto la stellina Clicca Qui!