Fiat Dino Coupé Fiat Dino Coupé

Fiat Dino 2400 Coupé: un’armonia tra stile e meccanica

Nella produzione sportiva Fiat, la Dino si è ritagliata uno spazio di grande nobiltà.

La Fiat Dino 2400 Coupé è un modello intramontabile del marchio torinese. Quest’auto, vestita con una carrozzeria di grande bellezza, regala un connubio di ingegneria, grinta ed emozioni sonore di pregiata fattura.

Il vigore energetico giunge da un motore V6, che non è semplicemente una miscela di metallo, ma un’orchestra capace di regalare felici note musicali. Queste accompagnano il viaggiatore lungo gli itinerari scelti dal conducente, aggiungendo note di piacere alla trama. Vivere l’esperienza di guida con una colonna sonora del genere regala emozioni speciali. Ogni accelerazione, ogni curva, è una melodia scritta con cura e passione.

La Fiat Dino 2400 Coupé è l’evoluzione della Dino 2000, che fece il suo debutto come spider nel 1966. Questa vettura, nata dalla collaborazione con la Ferrari, ha visto un’unità propulsiva di Maranello alimentare la sua anima. Straordinario il connubio tecnico con la Dino 206 GT, per un’opera unica nel suo genere.

Il cuore a 6 cilindri da 2.0 litri, sebbene addomesticato, era in grado di erogare sulla sportiva torinese una potenza massima di 160 cavalli a 7200 giri al minuto. La versione Coupé fu presentata al Salone dell’Auto di Torino nel 1967, con un passo cresciuto da 2256 millimetri a 2550 millimetri, per accogliere fino a quattro persone con eleganza e comfort.

Fiat Dino Coupé
Foto Stellantis

Il 1969 vide l’entrata in scena, sul mercato, della Fiat Dino 2400. Con un motore da 2.4 litri capace di sviluppare una potenza massima di 180 cavalli, questa vettura continua ad incantare gli appassionati. La versione coupé, in grado di raggiungere una velocità massima di 205 km/h, portò un vento fresco nelle sospensioni, abbracciando la soluzione delle ruote indipendenti al posteriore.

Il legame tra Fiat e Ferrari prese forma negli anni Sessanta, quando la casa di Maranello aveva l’urgente necessità di omologare un motore per le monoposto di Formula 2. Nacque così l’accordo industriale con il costruttore torinese, per la fornitura dei motori 6 cilindri “Dino”, così chiamati in onore del figlio di Enzo Ferrari.

La Fiat Dino 2400 Coupé, con il suo V6 del “cavallino rampante” e le linee sinuose che definiscono il suo profilo, ha un fascino esotico. In essa risuona l’eredità di un’epoca in cui le automobili erano creazioni d’arte, un simbolo tangibile dell’eccellenza italiana nel mondo, a 360 gradi.

NotizieAuto.it fa parte del nuovo servizio Google News, selezionaci tra i preferiti cliccando in alto la stellina Clicca Qui!