La Ford Mustang GTD vuole “battere tutti a Le Mans e sulla strada”

Costruita sulla spinta di un desiderio di trionfo alle corse, in particolare con l’ambizione di vincere Le Mans, la Ford Mustang GTD del 2025 è essenzialmente la versione omologata per la strada della prossima vettura da corsa Ford. Il suo debutto è previsto per la prossima 24 Ore di Daytona, prima che a Le Mans.

L’auto stradale GTD avrà più potenza, circa 800 cavalli, e caratteristiche aerodinamiche attive che invece non sono consentite dove Ford gareggerà con la Mustang GT3. Ford prevede di costruire la GTD omologata per strada in numero limitato. Andiamo a vedere quale belva si prospetta per il 2025.

Ford è determinata, il CEO Jim Farley afferma: “vogliamo battere AMG Black, Aston Martin, Porsche GT3 RS. Vogliamo batterle a Le Mans, ma vogliamo batterle anche come auto stradali”.

ford mustang gtd

Questa Mustang è un progetto di Ford Performance e Multimatic. La GTD nasce come una comune Mustang con carrozzeria bianca che lascia lo stabilimento del modello di Flat Rock, in Michigan, e che si dirige a nord verso la fabbrica Multimatic. La parte posteriore della scocca della Mustang subisce quindi un intervento chirurgico per adattarsi al cambio della GTD, uno a doppia frizione Tremec a otto velocità.

Ford afferma che la GTD ha un bilanciamento anteriore-posteriore quasi 50/50, che si confronta abbastanza favorevolmente con la distribuzione della Mustang Shelby GT500. La casa automobilistica mantiene per il momento nascosto il peso finale della GTD. Ad eccezione dei rivestimenti delle portiere in alluminio, la fibra di carbonio costituisce il resto della carrozzeria.

La GTD sarà molto veloce. Il propulsore è un V-8 sovralimentato da 5,2 litri proveniente dalla Shelby GT500. Nella versione GTD dovrebbe produrre circa 800 cavalli, rispetto ai 760 della GT500, e raggiungere il limite massimo di 7.500 giri al minuto. Inoltre, è disponibile uno scarico in titanio realizzato da Akrapovic che sputa aria calda da due grandi terminali che sporgono al posteriore.

I cerchi in alluminio forgiato sono di serie, ma come optional sono disponibili anche cerchi in magnesio forgiato, che sono più leggeri e riducono ulteriormente la massa non sospesa. Dietro le ruote della GTD si nascondono i massicci rotori dei freni carboceramici. I condotti di raffreddamento dedicati aiutano a evitare il surriscaldamento dei rotori anteriori.

Premendo un pulsante, la carrozzeria della GTD si abbassa di circa 4 centimetri per sfruttare al meglio il pacchetto aerodinamico. L’enorme ala è un optional e dovrebbe essere dotata di un sistema di riduzione della resistenza attiva (DRS) controllato idraulicamente per aumentare la deportanza quando necessario. Le prese d’aria per la riduzione della pressione sui parafanghi anteriori e sul cofano sembrano provenire direttamente da una corsa di Le Mans.

Dalla presentazione si è intravisto il grande quadro strumenti e gli schermi di infotainment dell’ultima Mustang, oltre a un paio di sedili anteriori Recaro in stile corsa. Non ci sono sedili posteriori. In linea con la sua grande ala, il menu delle opzioni della GTD include un cambio rotante stampato in 3D e paddle del cambio realizzati con parti in titanio. Manca ancora più di un anno alla produzione della Ford Mustang GTD del 2025. L’azienda che programma di produrre tra i 1000 e i 2000 esemplari di questa potente Ford.

NotizieAuto.it fa parte del nuovo servizio Google News, selezionaci tra i preferiti cliccando in alto la stellina Clicca Qui!