Porsche 917K del 1970: come si avvia un’auto da corsa di questo calibro

Parliamo della Porsche 917K, semplicemente un’auto da corsa leggendaria costruita nel 1970. Ma parliamo anche di un’epoca tecnologicamente meno avanzata, con qualche meccanismo diverso dagli odierno. Avviarla, infatti, richiedeva molto più che girare una chiave nel cruscotto (e oggi non è più neanche così). Il video riportato da RM Sotheby’s mostra come si fa per questo capolavoro tedesco che è stato messo all’asta dalla storica casa britannica.

Innanzitutto, se ci troviamo in una giornata fresca, bisogna prima riscaldare l’olio ad almeno 60 gradi (Celsius), come consiglia Paul Lanzante, che l’ha avuta in custodia. Questa macchina ha un termoforo sotto il serbatoio dell’olio, e deve essere collegato a una fonte di alimentazione esterna.

Bisogna, quindi, azionare i due interruttori principali. Uno si trova sul lato dell’auto, subito davanti al serbatoio dell’olio, l’altro è nell’abitacolo. L’auto, inoltre, ha una batteria a bordo, ma Lanzante utilizza anche un jump starter box per aiutarla all’avvio. Una volta impostato, è necessario premere alcuni interruttori del cruscotto per accendere le pompe del carburante e completare infine l’accensione. Solo allora si può girare la chiave per avviare il motore che a quel punto è predisposto. Un bel da fare, si direbbe.

Quando si avvia a freddo, il motore della 917K non deve superare i 2.500 giri al minuto, operazione che può essere eseguita tenendo d’occhio il pedale dell’acceleratore, senza andare a fondo, come ha affermato Lanzante. I giri devono essere mantenuti bassi fino a quando l’olio non raggiunge la temperatura.

motore 917K porsche

Come la maggior parte delle auto con questo tipo di carburazione, la 917K sconsiglia di usare uno “starter” per l’avviamento a freddo perché può sporcare le candele. Meglio il metodo che privilegia un graduale riscaldamento. Dopo tutto il procedimento di avvio, la Porsche è davvero pronta per partire.

La 917 è stata una delle auto da corsa di maggior successo di Porsche, ha anche dominato le corse automobilistiche europee e la serie “Can-Am” nordamericana in varie forme. La “K” sta a indicare le versioni con carrozzeria posteriore accorciata, che sono anche aerodinamicamente più stabili rispetto alla versione a coda lunga. Fu proprio una 917K diede a Porsche la sua prima vittoria assoluta alla 24 Ore di Le Mans, nel 1970.

Ed anche questa vettura, numero di telaio 026, corse a Le Mans nel 1970, ma uscì di scena al 50esimo giro, senza riuscire a completare la gara. L’auto è apparsa nel film con Steve McQueen, “Le Mans”, del 1971.

YouTube video
NotizieAuto.it fa parte del nuovo servizio Google News, selezionaci tra i preferiti cliccando in alto la stellina Clicca Qui!