Lamborghini Aventador SV Lamborghini Aventador SV

La Lamborghini Aventador SV biturbo da 1250 cavalli

La Lamborghini Aventador SV è una delle espressioni più estreme e seducenti dell’ammiraglia del “toro”, da poco andata in pensione. In queste settimane si parla molto della sua erede, pizzicata più volte durante i test su strada. Sarà una vettura ibrida, a differenza della progenitrice: il segno dei tempi. Del futuro modello abbiamo mostrato un render che mostra come potrebbe essere nella sua veste più sportiva, ma anche alcune immagini col sapore delle foto “rubate”.

In attesa di scoprire il nuovo modello, torniamo sulla Lamborghini Aventador SV, per mostrarvi un esemplare nato con la chirurgia del tuning. In questa veste, la supercar del “toro” ha ricevuto in dote una coppia di turbompressori, che spingono molto più in alto la potenza rispetto al modello standard, non certo carente sul piano energetico.

Si può immaginare la tensione emotiva di chi ha messo mano su questo modello in tiratura limitata, per eseguire l’elaborazione. Alcune auto, infatti, hanno un carisma tale da mettere in apprensione chi ci mette mano, specie se per un tuning, ossia per un lavoro di trasformazione post-produttivo.

Di serie, questa “belva” a quattro ruote gode della spinta di un monumentale motore V12 da 6.5 litri di cilindrata, che sviluppa 740 cavalli, naturalmente aspirati. Un arsenale più che sufficiente per ogni raid di piacere, ma le sportive ibride e sovralimentate di Ferrari e McLaren fanno meglio in termini di potenza massima.

Questo non è andato giù al proprietario della Lamborghini Aventador SV di cui ci stiamo occupando, che ha preteso cifre superiori alle supercar di Maranello e di Woking. Così ha fatto installare sulla sua vettura di Sant’Agata Bolognese una coppia di turbocompressori. Non sappiamo quale azienda sia stata incaricata di effettuare i lavori, ma sembra che ora alle ruote giungano 1.250 cavalli. Ciò significa che, probabilmente, il motore eroga più di 1.500 cavalli, circa il doppio della potenza originale dell’auto.

Rispetto a questa, si notano delle modifiche esterne, di taglio molto soft: nulla a che vedere con quanto fatto sull’apparato propulsivo. Diversi sono i cerchi, di tipo CL5R Ultralight Carbon, da 20 pollici davanti e 21 pollici dietro. La finitura centrale è nera satinata, con rivetti rossi, colore che si ritrova pure nelle chiusure centrali.

Sul piano visivo è affidato alle ruote aftermarket il compito di evidenziare la diversa natura di questa Lamborghini Aventador SV rispetto alla versione standard. Il senso di tutto ciò è chiaro: da un lato il desiderio di custodire un’estetica al top; dall’altro quello di evitare che qualcuno possa sospettare di avere davanti un mezzo fortemente potenziato. Così, in accelerazione, i proprietari di altre auto sportive al vertice potrebbero essere colti di sorpresa.

Lamborghini Aventador SV
Foto da Carscoops

Fonte | Carscoops

NotizieAuto.it fa parte del nuovo servizio Google News, selezionaci tra i preferiti cliccando in alto la stellina Clicca Qui!